YouTube Unplugged, nel 2017 la tv in streaming targata Google

Anche Big G sfida Netflix e affini: la piattaforma dei video potrebbe fornire abbonamenti per tv su Internet e via cavo

Lo streaming è il futuro della televisione: Netflix ha aperto la strada, e ora molte concorrenti si affacciano all’orizzonte. L’ultima arrivata, dopo Amazon e Apple, è Big G: Google infatti ha importanti progetti nel mondo della tv on-demand, ed è pronta a lanciare la sfida grazie al colosso dei video YouTube.

YOUTUBE UNPLUGGED. Il nuovo servizio pronto a imitare Netflix si chiamera YouTube Unplugged, e dovrebbe debuttare nel 2017. I lavori sulla nuova piattaforma sono cominciati qualche mese fa, e sono ancora poche le indiscrezioni che circolano sulla questione. Quello che si sa è che Unplugged sarà sicuramente disponibile in streaming, ma probabilmente si potrà avere anche via cavo; tale rumor sembra giustificato dai recenti contatti intrecciati fra Google e le grandi compagnia televisive americane (tra le altre, Century Fox, Nbc Universal, Cbs). Unplugged, dunque, potrebbe fornire agli utenti un pacchetto via cavo su abbonamento mensile, affiancato ad un’altra offerta per la tv in streaming.

FENOMENO ON-DEMAND. Il Ceo di Google Sundar Pichai aveva già annunciato una settimana fa l’intenzione di Mountain View di investire su YouTube e implementare l’offerta a disposizione degli spettatori della piattaforma, puntando su contenuti di pregio, proseguendo la strada intrapresa qualche tempo fa con YouTube Kids e YouTube Red. Non sorprende che Google voglia tentare la via della tv su internet: come detto anche Amazon (con Prime Video) e Apple (che sta realizzando la sua prima serie tv) si sono fatti trascinare nell’impresa. Il mercato della tv in streaming, del resto, promette davvero bene: gli analisti stimano ricavi, nel 2020, pari a 51 miliardi di dollari, a discapito degli abbonamenti al cavo in caduta libera. Il modo per battere Netflix, che vanta 70 milioni di iscritti in 190 Paesi, è solo uno: investire nei migliori contenuti.

© Riproduzione riservata