Connettiti con noi

Business

Rai ripensa alla strategia Web

Il progetto sarà illustrato nel prossimo cda, così come la proposta di rinnovo della concessione pubblica. Scontro, in Vigilanza, tra il dg Gubitosi e il senatore Minzolini

Nel prossimo Consiglio di amministrazione Rai il direttore generale Luigi Gubitosi avanzerà la proposta di rinnovo della concessione pubblica (in scadenza nel 2016): il modello di riferimento è quello di Bbc, ma ci sono scambi di opinione con altri servizi pubblici. Ad annunciarlo in commissione di Vigilanza è stato lo stesso Gubitosi che presenterà inoltre – nel cda dell’11 luglio – il piano Web: la proposta sarà quella di creare un unico sito. Il dg sta ragionando anche sulla possibilità di offrire contenuti premium a pagamento. Sempre a proposito di internet, è probabile la cancellazione dell’accordo siglato nel 2008 con Google per la vendita di brevi video al portale per un milione di euro. Durante l’audizione in Vigilanza Gubitosi ha prospettato i risultati della raccolta pubblicitaria 2013, in calo rispetto al 2012: a fine anno il dato dovrebbe oscillare tra i 675 milioni e i 685 milioni di euro. Invece degli annunci, però, ha tenuto banco il botta e risposta tra il dg e il senatore Pdl Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1. Minzolini ha accusato Gubitosi di non avere l’aplomb di un manager, rinfacciandogli che la sua nomina è stata frutto di una stagione politica. Di contro, Gubitosi ha risposto di essere stato incaricato dall’allora presidente del Consiglio, Mario Monti, e ha ricordato che proprio il Tg1 di Minzolini ha preso la multa più salata degli ultimi anni, 350 mila euro. Dopo aver sostenuto di preferire l’attuale notiziario a quello diretto di Minzolini, ha dichiarato inoltre di essere orgoglioso di “flop” come Dante e La grande Storia e che si prevedono nuove serate simili.

Credits Images:

Luigi Gubitosi