Connettiti con noi

Business

Mediaset, polemica interna per il canale all news TgCom 24

Tre giorni di sciopero da parte dell’assemblea del Tg5 contro lo “smantellamento” della redazione milanese e delle redazioni romane del Tg4 e di Studio Aperto deciso dalla rete televisiva

Lo smantellamento della redazione milanese del Tg5 e delle redazioni romane del Tg4 e di Studio Aperto ha provocato la reazione dell’assemblea del Tg5, che ha deciso all’unanimità di ritirare le firme dei giornalisti dai servizi in onda in tutte le edizioni e ha conferito al comitato di redazione (cdr) la facoltà di indire tre giornate di sciopero. I giornalisti protestano contro il progetto di Mediaset “in base al quale si prevede lo smantellamento della redazione milanese del Tg5 e delle redazioni romane del Tg4 e di Studio Aperto. Nel progetto – si legge nel documento del cdr – è inclusa la decisione di trasferire i colleghi interessati alla testata News Mediaset per la creazione del canale all news”, ovvero all news TgCom 24 la cui partenza è prevista il 28 novembre. Il trasferimento dei colleghi – spiegano dal cdr – è in programma entro il 10 novembre. Per il nuovo canale sono previsti 130 giornalisti, sei conduttori, cinque corrispondenti (da Londra, Bruxelles, New York, Gerusalemme e Pechino), tre edizioni giornaliere di mezz’ora. A preoccupare l’assemblea del Tg5 è anche il fatto che l’azienda si sia limitata a comunicare il trasferimento, senza consentire l’apertura di una reale trattativa sindacale. L’incontro tra cdr e azienda alla presenza del sindacato è prevista per il 2 novembre.