Lidl: 800 milioni di euro per l’Italia. Obiettivo 1000 negozi

Il presidente del gruppo della grande distribuzione, Massimo Silvestri, delinea la strategia di crescita per il prossimo biennio. “Previsto l’ingresso di 4 mila addetti entro il 2025”

Lidl-punto-vendita

Lidl punta sull’Italia. La società della grande distribuzione, che quest’anno punta a superare i 7 miliardi di euro di vendite (6,7 miliardi di ricavi e 232 milioni di utile nel 2022), ha annunciato un piano di investimenti da almeno 800 milioni per il prossimo biennio tra nuove aperture, assunzioni e nuove infrastrutture.

“Prevediamo di aprire una quarantina di punti vendita e potenziare le piattaforme logistiche puntando ad avere mille negozi (oggi 730, ndr)”, ha affermato a Il Sole 24 Ore, Massimiliano Silvestri, presidente di Lidl Italia. “È venuto il momento di investire pesantemente nel Centro-Sud Italia”.

In Italia il gruppo porterà anche il primo prototipo di negozio green a impatto zero che, se avrà successo, verrà replicato all’estero.

Il piano di assunzioni di Lidl in Italia

La quota maggiore del budget da investire sarà destinata allo sviluppo della rete di vendita, mentre la quota restante verrà destinata per le infrastrutture. Un piano di crescita che sarà accompagnato anche da nuove assunzioni: il piano industriale al 2025 farà entrare in società 4 mila addetti.

“È stato avviato un progetto con una classe di studenti iscritti negli Its di Brescia, Firenze, Roma e Bari per un programma di apprendistato, che al termine del percorso scolastico porterà all’assunzione a tempo indeterminato”, ha Silvestri.

© Riproduzione riservata