Connettiti con noi

Business

L’Europa unita contro Google?

Il Parlamento Ue vorrebbe avanzare una proposta non vincolante per separare le attività dei motori di ricerca dai servizi commerciali

Nome in codice: unbundling (disaggregazione). Così si chiamerebbe la proposta non vincolante del Parlamento Ue, presentata su iniziativa del deputato tedesco popolare Andreas Schwab e del liberale spagnolo Ramon Tremosa, prossima a essere discussa dalla Commissione Europea.

Stando alle indiscrezioni emerse in questi giorni, il testo proporrebbe di separare le attività dei motori di ricerca dagli altri servizi commerciali, ossia le inserzioni a pagamento, le recensioni e i risultati sponsorizzati.

Gli autori non citano mai il nome di Google ma è evidente che l’obiettivo è proprio BigG, non foss’altro per il fatto che il motore controlla, da solo, oltre il 90% del traffico web.

Bruxelles ha già attaccato a più riprese Google per quanto riguarda la privacy, la violazione dell’antitrust e la presunta mancata neutralità dei risultati proposti dal motore di ricerca: secondo Ue i risultati visualizzati da Google non sarebbero i migliori in assoluto ma solo per i suoi interessi societari.

Credits Images:

© Getty Images