Connettiti con noi

Business

Kfc, nuova strategia in Italia: ecco il primo store a gestione diretta

Da Vicenza l’a.d. Corrado Cagnola darà il via alla nuova fase operativa del gruppo Kentucky Fried Chicken nel nostro Paese. “L’esperienza italiana un modello di sviluppo europeo”

architecture-alternativo Corrado Cagnola, amministratore delegato di Kfc Italia

È tutto pronto per l’apertura a Vicenza del 77esimo ristorante Kfc – Kentucky Fried Chicken in Italia, il settimo nel Veneto. L’inaugurazione in programma il 5 dicembre all’interno del Centro Commerciale Palladio rappresenta una milestone importante perché sarà il primo a gestione diretta nel nostro Paese e darà il via a una nuova strategia di sviluppo per la società guidata dall’amministratore delegato Corrado Cagnola.

Da aprile stiamo mettendo in campo un piano di espansione importante, nel quale la nuova organizzazione è tutta coinvolta e che porterà a fine 2023 a superare gli 80 ristoranti in Italia”, ha affermato Cagnola. “Quello di Vicenza, che inaugureremo domani, darà il via alla nuova fase operativa che ci consentirà di seguire ancora meglio lo sviluppo affiancando alla crescita di questi anni, ottenuta tramite il solo franchising, anche la crescita diretta. L’esperienza italiana”, ha aggiunto il numero uno di Kfc Italia, “sta diventando anche un modello per altri Paesi europei in cui il brand è presente: la formula del Corporate Franchising Agreement consente da un lato di lavorare in grande sinergia con la corporation, che in un mercato giovane come l’Italia ha ancora tanta esperienza da darci. Dall’altro, gestendo noi direttamente una parte dei ristoranti rafforziamo ulteriormente la condivisione con i nostri franchisee degli obiettivi di sviluppo per migliorare il business model in maniera continuativa”.

Con l’apertura del primo ristorante a gestione diretta, Kfc continua il processo di sviluppo e rinnovamento avviato quest’anno, a quasi 10 anni dall’arrivo in Italia nel 2014, e con un piano di nuove aperture su tutto il territorio nazionale che punta ad arrivare a quota 200 ristoranti nei prossimi cinque anni.