Kfc: cresce e si struttura il business in Italia

Nuove strategie di sviluppo per il gruppo Kentucky Fried Chicken nel nostro Paese con l’introduzione di un nuovo modello di franchising. Dopo il +70% nel 2022, si punta a un ulteriore crescita del fatturato, che nel 2023 supererà i 140 milioni di euro

KFC-Dalmine

A quasi 10 anni dal suo arrivo nel nostro Paese, nel 2014, Kfc Italia inaugura una nuova fase di crescita, investendo sul mercato nazionale e puntando a crescere sensibilmente nei prossimi cinque anni, quando dovrebbe arrivare a contare una rete di 200 ristoranti e 5 mila dipendenti su tutta la Penisola.

I numeri di Kfc Italia

In Italia il marchio americano della ristorazione, celebre per il suo pollo fritto, ha chiuso il 2022 con un giro d’affari di 114 milioni di euro (+70% sul 2021) e punta a crescere ulteriormente nel 2023: la previsione è di 500 nuovi posti di lavoro, 143 milioni di euro di giro d’affari (+25%) e di 20,7 milioni di clienti serviti. La curva di crescita, si precisa in una nota dell’azienda, sarà sostenuta dall’apertura di 38 nuovi ristoranti entro i prossimi 20 mesi. Oggi Kfc è presente in 15 regioni italiane con 67 ristoranti, di cui il 40% al Nord, il 20% al Centro e il 40% al Sud, tutti gestiti in franchising. L’obiettivo è raggiungere il traguardo dei 200 ristoranti sul territorio nazionale nei prossimi cinque anni, triplicando i numeri attuali e rafforzando la presenza del marchio in tutte le regioni, con un’attenzione particolare a Lombardia, Lazio, Triveneto, Emilia Romagna, Campania, Puglia, Sardegna.

Corrado Cagnola, responsabile di Kfc in Italia

Un nuovo modello di franchising

“I traguardi raggiunti sono la leva che ci ha spinti a puntare ancora più in alto nelle previsioni di sviluppo dei prossimi cinque anni”, ha dichiarato Corrado Cagnola, responsabile di Kfc in Italia, che ha annunciato un importante novità a livello di governance. “A partire dal mese di aprile 2023 è stato introdotto un nuovo modello di franchising con l’ingresso nel sistema di un Corporate Franchisee con un ruolo di leadership a beneficio degli altri franchisee, che si occuperà anche della gestione diretta di numerosi ristoranti del brand”.

L’ingresso di GGC3, joint venture interamente italiana tra Iverna Holdings ed Essebi, con importante esperienza nel settore dei servizi food, contribuirà in maniera significativa a guidare lo sviluppo e la crescita del marchio Kfc in Italia.

In seguito al nuovo modello di franchising, tutti i nuovi ristoranti Kfc in Italia avranno un nuovo design, con colori più chiari e uno stile ancora più moderno, capace al tempo stesso di offrire un’atmosfera familiare, rilassante e accogliente. Anche 10 dei ristoranti più storici di Kgc in Italia saranno oggetto di remodeling finalizzato al nuovo design, che avrà sempre come segno di riconoscimento il bianco e rosso delle strisce del logo e l’iconico volto del Colonnello Sanders.

© Riproduzione riservata