Google supera Rai nella raccolta pubblicitaria

Secondo il consigliere della Tv di Stato, Antonio Pilati, il servizio pubblico è in ritardo sull’offerta online

Dopo Publitalia, c’è Google. È questa la riflessione del consigliere Rai, Antonio Pilati, durante la presentazione del rapporto annuale di ItMedia Consulting. Secondo Pilati l’azienda statunitense, conosciuta in tutto il mondo per il suo motore di ricerca, sarebbe ormai il secondo operatore di pubblicità in Italia, superando Sipra. Rai, ha spiegato, sconta un forte ritardo sull’online, sia nel Web 2.0 che nel Web 3.0 e il traffico sui suoi siti di informazione, nonostante sia “la più grande azienda giornalistica del Paese”, vale meno di un terzo di quello di testate come la Repubblica e Corriere della sera.

© Riproduzione riservata