Connettiti con noi

Business

Accordo con Richemont: Piquadro fa suo il marchio Lancel

Il noto brand di pelletteria di lusso, fondato a Parigi a fine ‘800, diventa di proprietà italiana. Il valore dell’operazione non supererà i 35 milioni di euro. L’a.d. di Piquadro, Marco Palmieri: “Portiamo nel gruppo un’eccellenza unica, un’icona di stile”

È stata annunciato l’accordo di acquisizione da parte di Piquadro di Lancel International, società interamente controllata dal gruppo Richemont e proprietaria del marchio Lancel, Maison con sede a Parigi e fondata nel 1876, crea e distribuisce pelletteria di lusso di qualità. Con questa operazione Piquadro mette mano – oltre che sul marchio – sulla rete di distribuzione del marchio Lancel: 60 negozi a gestione diretta e 11 in franchising (attraverso la rete di vendita al dettaglio e all’ingrosso, il brand è inoltre presente in 39 paesi, tra cui la Cina).

“Siamo particolarmente orgogliosi di portare nel gruppo Piquadro un marchio storico francese che rappresenta un’eccellenza unica, un’icona di stile dal 1876”, ha dichiarato Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato del gruppo Piquadro. “Il gusto parigino delle linee e dei dettagli, la qualità superlativa e l’affascinante aura di una storia cominciata nel 1876 rappresentano lo straordinario patrimonio della maison Lancel con un grande potenziale di crescita. Questa acquisizione si inserisce nell’ambito di una strategia di aggregazione di marchi di accessori iniziata circa un anno fa con l’acquisizione dello storico marchio fiorentino di pelletteria The Bridge, strategia che siamo determinati a portare avanti per generare crescenti sinergie”.

Il valore del gruppo Lancel

Nell’esercizio chiuso al 31 marzo 2018, il gruppo Lancel ha realizzato un fatturato di circa 53 milioni di euro e ha registrato un Ebitda negativo di circa 23 milioni. Alla data di perfezionamento dell’acquisizione, il gruppo Lancel presenta una posizione finanziaria netta positiva di circa 41 milioni, con risorse finanziarie sufficienti per supportare l’attività del gruppo, una struttura di costi operativi annuali significativamente ridotta per effetto di azioni già adottate da Richemont nonché un patrimonio netto stimato di circa 36 milioni di euro.

Quale prezzo per l’acquisizione, Richemont riceverà una quota degli utili realizzati dal gruppo Lancel nei dieci anni successivi al closing; la quota complessiva di utili che potrà essere destinata a Richemont in base a tale meccanismo non potrà eccedere i 35 milioni di euro.