Nasce EssilorLuxottica: leader globale di lenti e montature da 16 mld di euro

Il nuovo big nella progettazione, produzione e distribuzione di lenti oftalmiche, occhiali da vista e da sole nasce dalla fusione di Essilor e Luxottica. Presto il delisting della società di Leonardo Del Vecchio dalla Borsa

Un nuovo leader globale di lenti, occhiali da vista e da sole con ricavi che superano i 16 miliardi di euro e circa 150 mila dipendenti nel mondo. Sono i numeri principali di EssilorLuxottica, la società che nasce dall’unione dei due player Luxottica ed Essilor.

Gli azionisti di EssilorLuxottica

L’operazione, già annunciata nei mesi scorsi, si è concretizzata ufficialmente nelle ultime ore, anche con il via libera dell’antitrust. Luxottica ha completato il conferimento da parte dell’azionista di maggioranza Delfin, della sua intera partecipazione nel gruppo italiano (pario al 62,42% del capitale) a favore di Essilor International, che è diventata la capogruppo di Luxottica ed è stata rinominata EssilorLuxottica.

A titolo di corrispettivo per il conferimento da parte di Delfin della sua partecipazione in Luxottica in Essilor, la società francese ha emesso 139.703.301 nuove azioni ordinarie attraverso un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione, come approvato dagli azionisti di Essilor nel maggio 2017. A seguito del conferimento, EssilorLuxottica ha un capitale sociale costituito da 358.840.853 azioni. I suoi azionisti principali sono Delfin (38,93% del capitale, con diritti di voto limitati al 31%) e i dipendenti di EssilorLuxottica (4,9%), con il restante 56,8% delle azioni detenute dal pubblico.

EssilorLuxottica lancerà un’Offerta Pubblica di Scambio obbligatoria per l’acquisto di tutte le rimanenti azioni Luxottica in circolazione, finalizzata al delisting della stessa Luxottica. A seguito di questa operazione, la partecipazione detenuta da Delfin scenderà fino a un minimo del 31% del capitale sociale di EssilorLuxottica, in funzione del livello di adesioni all’Offerta Pubblica di Scambio.

I numeri della nuova EssilorLuxottica

Come sottolineato in una nota della nuova società, Essilor e Luxottica hanno unito le forze per “raggiungere i 2,5 miliardi di persone che non hanno accesso a una correzione visiva e i 6 miliardi di persone che non proteggono i loro occhi dai raggi nocivi proporre”, proponendo soluzioni innovative che soddisfano stili di vita in continua evoluzione. “Siamo all’inizio di un nuovo capitolo della nostra storia nel quale abbiamo fortemente creduto e che ci permetterà di riunire lenti e montature sotto lo stesso tetto, completando il nostro modello di integrazione verticale”, ha commentato Leonardo Del Vecchio, che resterà presidente esecutivo e di Luxottica manterrà la stessa carica in EssilorLuxottica. “Amplieremo la nostra offerta e daremo nuovo impulso allo sviluppo del business dei nostri clienti e dell’intero settore”. EssilorLuxottica, si aggiunge nella nota stampa, ha l’opportunità di realizzare una significativa creazione di valore attraverso sinergie di ricavi e costi, con un contributo netto annuo stimato di 420-600 milioni di euro a livello di Ebit nel medio termine, per poi accelerare nel lungo termine. Si stimano sinergie di ricavi di circa 200-300 milioni di euro, derivanti dalla capacità di EssilorLuxottica di sviluppare nuovi prodotti, facendo leva sull’integrazione tra montature e lenti, di servire meglio l’intero settore attraverso una maggiore capillarità distributiva e una piattaforma logistica più efficiente, di accelerare lo sviluppo dei mercati emergenti, di rafforzare il business e-commerce, di aumentare la penetrazione degli occhiali da sole, anche con lenti graduate, e di sensibilizzare i consumatori sull’importanza di correggere e proteggere la vista, rispondendo anche al loro desiderio di esprimere il proprio stile personale con marchi riconosciuti. si stimano inoltre sinergie di costo di circa 220-300 milioni di euro quale risultato dell’ottimizzazione della catena di fornitura, delle spese generali e amministrative e dei minori costi di approvvigionamento.

© Riproduzione riservata