Eagleprojects acquisisce Digitarca e punta i 50 milioni di fatturato

La società controllata da Palladio Holding si rafforza nel segmento software 3D, ampliando le competenze tecniche per la creazione di Gemelli Digitali tridimensionali (Digital Twin)

Eagleprojects acquisisce Digitarca e punta i 50 milioni di fatturatoOtello Cavaliere, Partner di Palladio Holding, private equity che controlla Eagleprojects

Eagleprojects, azienda di Perugia attiva nella fornitura di servizi di ingegneria end-to end e tra i principali player nelle attività di digital twin e deployment della fibra ottica, ha annunciato oggi la firma di un accordo vincolante per l’acquisizione di Digitarca, azienda italiana con sede a Mola di Bari, punto di riferimento per la creazione di Gemelli Digitali tridimensionali. Si tratta della prima operazione portata a termine insieme al partner strategico Palladio Holding, che a inizio anno ha acquisito una quota di maggioranza di Eagleprojects.

Il ruolo di Digitarca 

Con Digitarca, Eagleprojects si rafforza nel segmento software 3D per la gestione digitale del patrimonio infrastrutturale, grazie anche alla disponibilità di un’ampia flotta di veicoli MMS e attrezzature tecnologiche per la creazione di Digital Twin tridimensionali di intere città in tempi ancora più rapidi. L’operazione è stata realizzata in collaborazione con Leonardo Chiechi, Ceo di Digitarca, che resterà alla guida della società per garantire la continuità gestionale e massimizzare le sinergie del gruppo. “L’acquisizione di Digitarca è un importante tassello nel piano di espansione che stiamo portando avanti insieme al management di Eagleprojects, mettendo a fattor comune risorse, network internazionale e competenze complementari necessarie ad accelerare la crescita avviata”, ha dichiarato Otello Cavaliere, Partner di Palladio. L’obiettivo è di posizionare Eagleprojects come “player leader in un mercato sempre più sfidante e dinamico”.

I piani di sviluppo di Eagleprojects: in arrivo nuove acquisizioni

L’operazione, si precisa in una nota dell’azienda, è fortemente sinergica e rientra nel piano di sviluppo disegnato dal management di Eagleprojects insieme a Palladio volto ad ampliare le competenze tecniche del gruppo e l’offerta di soluzioni software avanzate e competitive, con l’obiettivo di raggiungere settori limitrofi ad alto potenziale (idrico, energia elettrica, smart road, rete ferroviaria, ecc). La società prevede di chiudere il 2024 con un fatturato aggregato superiore a 50 milioni di euro.

Giovacchino-Rosati

Giovacchino Rosati, amministratore delegato di Eagleprojects

“Forti dell’alleanza con Palladio e guidati dalla nostra visione stiamo implementando una struttura organizzativa capace di cogliere le sfide del mercato con prontezza ed efficacia”, ha dichiarato Giovacchino Rosati, amministratore delegato di Eagleprojects, sottolineando come la strategia dell’azienda preveda “un’espansione continua delle competenze e della presenza internazionale, ponendo un forte accento sull’innovazione e l’eccellenza operativa. Nell’ottica di incrementare la nostra presenza in un segmento di mercato atteso in forte crescita nei prossimi anni, stiamo finalizzando anche l’acquisizione di un’altra società di ingegneria specializzata in ambito idrico”.

Il piano di sviluppo di Eagleprojects mira inoltre ad accelerare la crescita nei mercati di riferimento, anche internazionali, sia rafforzando la propria presenza nelle aree in cui è già attiva, come la Grecia, sia penetrando nuovi mercati strategici che presentano una domanda di servizi evolutivi di ingegneria. In quest’ottica è stata implementata una sede secondaria in Germania, dove il mercato dei servizi di progettazione per le infrastrutture è estremamente promettente. Inoltre, il gruppo sta strutturando una presenza diretta in Brasile finalizzata a presidiare il mercato sudamericano in forte sviluppo e capitalizzare le opportunità emergenti sul territorio locale, in particolare nel settore delle Telco, grazie al know-how maturato in mercati più evoluti.
Infine, il gruppo sta consolidando la presenza in Tunisia attraverso l’internalizzazione di 100 ingegneri con cui Eagleprojects ha da tempo una relazione duratura, un passo che testimonia l’impegno per la crescita sostenibile con un’attenzione alle persone e allo  sviluppo responsabile in ogni regione operativa.

© Riproduzione riservata