Borsa, Piazza Affari incerta, Male Eni

L’indice Ftse Mib apre praticamente piatto, poi risale a +0,53%. Il comparto energetico soffre in Europa, per il cane a sei zampe perdita dell’1,63%

Partenze fiacche per le principali piazze europee. Nel Vecchio Continente regna l’incertezza nonostante, come riportato da Borsa Italiana, Wall Street abbia toccato nuovi massimi. In apertura, a Milano, l’indice Ftse Mib ha segnato una perdita dello 0,02% per poi risalire, intorno alle 9.50, a +0,53%. Mentre Banca Popolare, Ubi Banca e la Popolare dell’Emilia Romagna segnano buoni risultati, insieme ad Autogrill, a soffrire a Piazza Affari è soprattutto Eni, mentre in Europa fatica tutto il comparto energia. Telecom Italia, che ha aperto debole, rialza la testa dopo il calo di ieri (+0,23%). In giornata sono attesi i dati sul Pil della Germania e quelli sul Pil degli Stati Uniti del terzo trimestre (in questo caso è la seconda lettura). L’Ocse, inoltre, renderà note le proprie previsioni.Sul fronte dei cambi l’euro passa di mano a 1,2423 dollari (ieri 1,2439) e a 146,48 yen (147,25). Il dollaro-yen è pari a 117,91 (118,37), mentre il petrolio quota 75,88 dollari al barile in rialzo dello 0,12%.

© Riproduzione riservata