Connettiti con noi

Business

Feltrinelli, ricavi oltre i 510 milioni. Focus sulla Spagna

Risultati economici sopra le previsioni per il gruppo editoriale italiano, che punta all’espansione internazionale

Carlo-Feltrinelli Spagna Carlo Feltrinelli, presidente del Gruppo Feltrinelli

Parte dalla Spagna l’espansione internazionale di Feltrinelli, che conclude con risultati positivi il primo anno del nuovo piano strategico. Un disegno che ha condotto il Gruppo a riportare tutti i principali indicatori finanziari in crescita rispetto al 2022, con ricavi complessivi a 511 milioni di euro (+2,6% sul 2022, chiuso a 498 mln), oltre le previsioni del piano quinquennale 2023-2027.
L’Ebitda è a 25,1 milioni, per un’incidenza del 4,9% sul fatturato, in aumento del 10,5% sempre su base annua, e l’Ebitda recurring è a 26,4 milioni, per un’incidenza del 5,2% sui ricavi, in crescita del 7,8% rispetto al 2022. Inoltre, l’Ebit torna in attivo, attestandosi a 2,1 milioni (nel 2022 era stato negativo per 2,5 milioni). Il risultato netto è negativo per 1,3 milioni ma è in netto miglioramento rispetto al 2022 (-4,7 mln), La posizione finanziaria netta resta passiva per 6,6 milioni di euro (nel 2022 era passiva per 2,7 milioni).

La crescita del Gruppo Feltrinelli

È stata trainata da tutti e tre le ‘anime’ del Gruppo. Il polo Editoriale, con una produzione di contenuti che attraversa diversi linguaggi, dal libro al podcast, dall’audiolibro al docufilm, ha registrato ricavi per 83,5 milioni di euro (+7,3%). Il polo Canali, che si occupa della diffusione di libri e prodotti culturali nelle librerie fisiche e digitali del Gruppo, ha raggiunto 419,8 milioni di ricavi (+1,5%); il polo Education, dedicato a promuovere la formazione negli ambiti della scrittura, dello storytelling e delle professioni della cultura, si è attestato a 8 milioni (+15,6%).
Alla base della crescita c’è stato il lavoro strategico sull’identità della marca Feltrinelli e il relativo posizionamento di mercato. Da qui la scelta di concentrare sforzi e investimenti sia nell’ampliamento delle sigle editoriali del Gruppo, sia nella crescita in Scuola Holden sia nel consolidamento del ruolo delle librerie Feltrinelli come presidio della piccola e media editoria: quasi il 50% dei ricavi delle librerie provengono da piccoli o medi editori.

Gli investimenti

In questa prospettiva si inseriscono gli investimenti avvenuti nel 2023, con fisiologico impatto sulla Posizione Finanziaria Netta: l’acquisizione del 100% delle quote di Scuola Holden, il rilancio di Sem, l’apertura di tre nuove librerie a Venezia, Lucca e Sesto Fiorentino e il restyling delle librerie di Napoli, Bari, Lecce, Roma, Firenze e Parma.
“Siamo tutti coinvolti in una fase storica che ci pone di fronte a delle scelte cruciali, come individui e come società: Feltrinelli sente il dovere di lavorare perché il libro si confermi sempre di più come un potente veicolo di confronto e di elaborazione e le librerie siano disegnate come luoghi dell’incontro e della proposta. Abbiamo avviato nel 2023 un percorso per rendere sempre più protagonisti libri e librerie e continueremo ad investire in questo senso”, ha commentato il presidente del Gruppo, Carlo Feltrinelli.

Nasce Business People Spagna

Le prospettive di crescita e Feltrinelli Spagna

“I risultati dell’esercizio 2023 sono in linea con il piano strategico del Gruppo”, ha aggiunto l’a.d. Alessandra Carra. “Rafforziamo la nostra dimensione editoriale in un mercato che segna un incoraggiante dato positivo, affiancandola alla crescita nel Retail fisico e online e allo sviluppo del Polo Education. Il 2024 si presenta ricco di sfide che affrontiamo con determinazione e fiducia”. Nell’anno in corso, Feltrinelli punterà a un’espansione internazionale, partendo dalla Spagna con la creazione della holding Feltrinelli S.L in cui sono state inserite le attività iberiche: la storica casa editrice Anagrama, in cui Feltrinelli è entrata con una prima quota del 10% nel 2010 per salirne al totale controllo nell’aprile 2023, e La Central, catena di librerie di Barcellona e Madrid posseduta al 90,4%.