Video – Marcegaglia: “Il condono premia i furbi, sì a riforme strutturali”

Il leader di Confindustria sul prossimo Decreto sviluppo, “non si facciano cose una tantum, si facciano grandi riforme eque dove chi ha di più paghi di più”

No a interventi una tantum, specie se si tratta di condoni che “premiano i furbi” e danno un “messaggio sbagliato” al Paese; piena disponibilità invece a una patrimoniale per abbassare le tasse su lavoratori e imprese e, soprattutto, a riforme per ridurre strutturalmente il debito e il deficit. Il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia boccia così l’ipotesi del condono fiscale ipotizzato da alcuni esponenti della maggioranza e che – nel caso – verrebbe inserito nel prossimo Decreto sviluppo. Dagli studi Rai di Che tempo che fa, Marcegaglia invita il governo a “fare in fretta” per sottrarre il Paese dal rischio recessione. “In un momento in cui dobbiamo combattere fortemente l’evasione fiscale e l’illegalità la logica del condono dà un messaggio assolutamente sbagliato – afferma il leader di Confindustria – premia i furbi, noi abbiamo bisogno che tutti paghino le tasse e rispettino le regole”. Nel corso del programma condotto da Fabio Fazio, Emma Marcegaglia ribadisce la ricetta chiesta dall’associazione di rappresentanza delle imprese per ridurre strutturalmente il debito e il deficit. “Si facciano grandi riforme eque dove chi ha di più paghi di più”, afferma spiegando che “o ci salviamo tutti o cadiamo tutti”. Marcegaglia dà piena disponibilità a una patrimoniale, a patto che venga utilizzata “per abbassare le tasse su lavoratori e imprese, non per sostenere la spesa pubblica”. Necessaria, inoltre, la riforma delle pensioni “anche se impopolare, anche scontentando pezzi della maggioranza (Lega, ndr)”. Nel corso del suo intervento il presidente di Confindustria invita infine il governo a varare la riforma fiscale, ad accelerare le liberalizzazioni e gli investimenti in infrastrutture. Infine una domanda sul futuro di Emma Marcegaglia, il cui mandato scadrà il prossimo 24 maggio. “Torno a fare l’imprenditore e la mamma a tempo pieno, nessun interesse per la politica”.

© Riproduzione riservata