Vacanze: dieci regole per risparmiare

Pronti a godervi le meritate ferie? Ecco qualche dritta per essere consapevoli delle spese e partire senza mettere a dura prova il conto in banca

Nel periodo estivo, con le vacanze alle porte, non far soccombere il conto corrente può essere ancora più complicato del soltio: l’organizzazione del viaggio perfetto, infatti, nasconde diverse insidie economiche. Per aiutare gli italiani a destreggiarsi tra le difficoltà, Flowe – B Corp che mira a educare i giovani sui temi dell’innovazione e della sostenibilità economica, sociale e ambientale – ha redatto dieci regole su come risparmiare e essere consapevoli delle spese vacanziere per partire e godersi la pausa estiva senza pensieri.

  1. FISSARE UN TETTO MASSIMO La prima regola basilare per organizzare la propria vacanza dei sogni è stabilire il budget massimo di spesa. Per farlo, bisogna considerare due aspetti: l’attuale disponibilità sul proprio conto e i costi futuri che sappiamo di dover affrontare, come il mutuo, le bollette, l’assicurazione dell’auto e l’abbonamento ai mezzi di trasporto.

  2. DIVIDERE IL VIAGGIO IN CATEGORIE Una volta decisa la “vetta” da non superare, è consigliabile suddividerla in sei categorie: alloggio, trasporti, cibo, attività, extra e imprevisti. Così facendo, si avrà sempre un’idea precisa di come e dove si stanno allocando i propri guadagni, anche durante il viaggio.

  3. NO ALLE SPESE “INUTILI” PRE-PARTENZA Prima di partire e più in generale durante l’anno, un’ottima strategia è quella di tagliare le spese “inutili”, qualora eccessive. Un pacchetto di sigarette, un abito, una cena in meno e una “schiscetta” in più in pausa pranzo possono fare la differenza sul portafoglio. Un’altra buona abitudine? Evitare di bere acqua in bottiglia e preferire acqua potabile e filtrata dal rubinetto o dai distributori pubblici: l’impatto sarà significativo sia in ottica sostenibilità sia sul conto corrente.

  4. GIOCARE D’ANTICIPO Nelle competizioni solitamente vince chi arriva prima. Non fa eccezione la “gara” per organizzare la vacanza ideale: muoversi con largo anticipo pianificando e prenotando la meta desiderata, le escursioni e le attrazioni in loco può essere vantaggioso.

  5. VIAGGI ALL’ESTERO: OCCHIO ALLE COMMISSIONI Per le mete fuori dall’Italia, è bene tenere in conto le commissioni sui pagamenti e i prelievi che potrebbero alzare i costi generali. Prima di partire è quindi utile attrezzarsi con strumenti adeguati, come specifiche app. (Flowe, ad esempio, permette di prelevare gratuitamente e pagare (anche solo con lo smartphone) in ogni parte del mondo senza commissioni)

  6. MI SERVE O NON MI SERVE? Il richiamo dello shopping vacanziero e dei souvenir del luogo è spesso irresistibile. Se è vero che in vacanza è legittimo e sano concedersi qualche sfizio, è altrettanto vero che l’eccesso può diventare un problema. Ecco quindi un trucco semplice ed efficace per non cadere nella trappola: quando si incontra il fantomatico oggetto dei desideri in un negozio, bisognerebbe fare dietro front e tornare il giorno successivo, chiedendosi nel frattempo se sia così indispensabile. Se il desiderio è ancora forte, è bene assecondarlo e includerlo nell’area degli extra prevista inizialmente, altrimenti meglio andare oltre… verso la prossima tentazione.

  7. VALIGIA SMART Fare la valigia in modo intelligente è uno stratagemma infallibile per risparmiare sul viaggio, specialmente per chi prende l’aereo (ma non solo). Portare troppi bagagli comporta costi aggiuntivi non indifferenti, al contrario avere pochi oggetti può rivelarsi una scelta sbagliata costringendoci a comprare le dimenticanze durante la vacanza.

  8. ASSICURAZIONE: NON È MAI TROPPA L’attualità ci ha costretti negli ultimi due anni a rivedere molti piani, vacanze comprese. A maggior ragione, è sempre più buona norma prevedere un’assicurazione che copra totalmente o in parte i costi del viaggio in caso di imprevisti o emergenze, Covid incluso.

  9. GLI AVANZI: IL SALVADANAIO DEL FUTURO Per quanto raro, potrebbe capitare – grazie ad una pianificazione ottimale – di tornare dalle ferie con qualche soldo. Cosa fare quindi con l’avanzo? Resistere all’impulso di spenderli subito, mettendoli da parte e iniziando a risparmiare per la prossima vacanza.

  10. VOCE DEL VERBO ANNOTARE E infine, ecco la regola salva-vacanze che aumenta la consapevolezza a dismisura: fissare un momento della giornata in cui fare mente locale, annotare ogni spesa e controllare lo status attuale. La sera, dopo il cocktail della buonanotte, potrebbe essere l’ideale: per farlo, può venire in soccorso un’app dove segnare e verificare i soldi in uscita. Una funzionalità utilissima anche quando si viaggia in compagnia e si dividono gli acquisti, così da tenere tutto sotto traccia.

© Riproduzione riservata