Nuovo record per il debito pubblico italiano

Secondo Bankitalia a maggio il passivo si è attestato a 1.966,3 miliardi di euro, in un mese accumulati altri 17 miliardi

Un nuovo record per il debito pubblico italiano che si avvicina sempre di più al tetto dei duemila miliardi di euro. A maggio, secondo quanto risulta dal Supplemento al Bollettino statistico della Banca d’Italia dedicato alla Finanza pubblica, il passivo del nostro Paese si è attestato a 1.966,303 miliardi, 17,1 in più rispetto a quanto registrato nel mese di aprile. A pesare ci sono anche le garanzie italiane sulle emissioni dell’European financial stability facility (Efsf), che hanno aumentato debito e fabbisogno di circa 1,8 miliardi.Secondo Bankitalia, le entrate tributarie nei primi cinque mesi del 2012 sono state pari a 142,1 miliardi di euro, in aumento dell’1,14% rispetto ai 140,494 dello stesso periodo dello scorso anno. Via Nazionale spiega che l’incremento è “attribuibile principalmente all’aumento delle disponibilità liquide detenute dal Tesoro (di 8,3 miliardi, a 35,8), al fabbisogno (6,2 miliardi), a scarti di emissione (2,3 miliardi) dovuti all’emissione di titoli sotto la pari, alle variazioni del cambio (0,2 miliardi)”.Il dato sulle entrate della Banca d’Italia – precisa l’Ansa – risulta inferiore a quello comunicato nei giorni scorsi dal ministero dell’Economia (+2,5%) che, diversamente da via Nazionale che misura le entrate di ‘cassa’, misura quelle di ‘competenza’. Nel solo mese di maggio gli incassi dell’erario sono stati pari a 30,806 miliardi di euro, in aumento del 4,64% rispetto ai 29,438 miliardi di maggio 2011.

© Riproduzione riservata