Connettiti con noi

Business

Le Tigri d’Italia, imprese che affilano gli artigli contro la crisi

La terza edizione del premio all’azienda CRS S.p.A., una realtà imprenditoriale che ha avuto il coraggio di investire in un periodo di difficoltà economica ed è stata premiata con una crescita del fatturato a due cifre

Nei momenti difficili l’Italia tira fuori il meglio di sé. La capacità di rimboccarsi le maniche e costruire, con quel pizzico di genio e di follia che ci contraddistingue, ha storicamente riscattato il nostro popolo dalle situazioni peggiori. È la nostra forza: sappiamo dimostrare, all’occorrenza, il coraggio delle tigri, perché non solo siamo un popolo di sognatori, ma ai nostri sogni ci crediamo per davvero. In coerenza con questo spirito TickMark, società di revisione e organizzazione contabile indipendente, ha lanciato il concorso Le Tigri, giunto quest’anno alla sua terza edizione. L’iniziativa è ispirata al concetto di “fare sempre meglio”, inteso dai promotori come storico propulsore delle Pmi italiane.

CHI SONO LE TIGRI D’IMPRESA. Le tigri, appunto, sono aziende che hanno dimostrato una forte determinazione nella ricerca di soluzioni in grado di anticipare le esigenze del mercato. Le tigri sono imprese che si sono impegnate nella ricerca di strategie di internazionalizzazione efficaci, e quelle che si sono dedicate ad un percorso di innovazione di processo e di prodotto. Tutto per non lasciarsi mettere in ginocchio dalla crisi, affrontando con spirito combattivo le difficoltà. Infine, le tigri sono le realtà imprenditoriali che non aspettano la fatidica manna dal cielo, ricorrendo a incentivi o a supporti finanziari straordinari, ma che preferiscono porre nelle idee, nel coraggio e nelle iniziative le premesse per il proprio successo.

IL VINCITORE. Al concorso Le Tigri 2011, appena concluso, hanno partecipato oltre 60 Pmi italiane, con un fatturato 2011 compreso tra 5 e 300 mln di euro, che hanno messo in atto strategie efficaci per superare la difficile congiuntura economica. La famiglia Cristina, proprietaria dell’azienda CRS, si è aggiudicata la terza edizione del concorso. CRS è un’impresa specializzata in rubinetterie per bagni e cucine, prodotti completamente realizzati in Italia e distribuiti in oltre 60 Paesi in tutto il mondo. La strategia vincente dell’azienda consiste nell’aver avuto il coraggio di investire in ricerca e sviluppo, per la creazione di nuovi prodotti. Inoltre il management ha scelto di riservare grande attenzione agli aspetti che riguardano la fidelizzazione del cliente. Questi presupposti hanno consentito all’impresa di assistere a una crescita del proprio fatturato del 14,5% negli ultimi tre anni, raggiungendo nel 2011 quota 47,5 mln di euro, il 60% dei quali realizzato nell’Europa Continentale.

LE FINALISTE. Oltre alla CRS, si sono classificate come finaliste le imprese Casone, menzionata per la categoria “Human Innovation”, Clay Paky per la categoria “Innovazione di Prodotto”, Donnafugata e Padania Alimenti, rispettivamente per le categorie “Politiche di Marketing” e “Innovazione di Processo”. Infine l’azienda Tuvia Italia è stata menzionata per la categoria “Internazionalizzazione”.