Connettiti con noi

Business

Imu, Siena la città più cara. La tassa all’esame del governo

Un’indagine dell’ex senatore Marco Stradiotto ha messo a confronto il peso dell’imposta nei diversi Capoluoghi di Provincia italiani. Ecco i risultati

Alla vigilia del vertice di governo chiamato ad affrontare il dossier Imu – un’ipotesi sarebbe quella di accorpare la tassa sugli immobili alla Tares sui rifiuti urbani – fa notizia il dossier preparato dall’ex senatore Marco Stradiotto, esperto di federalismo fiscale, che ha analizzato l’imposta sugli immobili 2012 nei diversi Capoluoghi di Provincia italiani. Secondo il dossier (consultabile cliccando qui) Siena, Roma, Torino, Livorno e Genova guidano la classifica delle città con l’imposta della prima casa ai livelli più elevati: si passa dell’esborso medio di 239,63 euro di Siena ai 160,17 di Genova. In fondo alla lista, invece, ci sono Crotone, Sanluri (Sardegna), Caltanissetta, Villacidro (Sardegna) ed Enna.

NON SOLO PRIMA CASA. Ma l’Imu con ‘colpisce’ solo la prima casa, ma tutti i beni immobili. Analizzando le città più care sulla base “dell’imposta complessiva versata media per abitante” Siena resta comunque al top con 902,54 euro, seguita da Milano (856,89), Roma (810,61), Padova (743,73) e Bologna (687,05); all’ultimi posto di questa classifica, invece, Iglesias dove l’importo totale versato per abitante è di 163,22 euro, circa cinque volte in meno rispetto alla tassa senese.

Di seguito la tabella con i Capoluoghi dove l’Imu per abitazione principale versata nel 2012 dai contribuenti costa di più e dove costa di meno:

IMU 2012 SULLA PRIMA CASA

DOVE SI È PAGATO DI PIÙ

DOVE SI È PAGATO DI MENO

COMUNE

IMU (in euro)

COMUNE

IMU (in euro)

Siena

239,63

Enna

23,08

Roma

216,26

Villacidro (Sardegna)

22,42

Torino

196,12

Caltanissetta

21,91

Livorno

166,62

Sanluri (Sardegna)

20,32

Genova

160,17

Crotone

10,95

Fonte: dati Ministero Economia e Finanze, Ministero dell’Interno, Istat e OMI elaborazione Marco Stradiotto