Emergenza Coronavirus in azienda: le regole da seguire per i top manager

Inevitabili le ricadute economiche causate dalla diffusione del virus Covid-19. Ecco i cinque consigli della società di consulenza Bain & Company

Così come in tutto il mondo si cercano le risorse per contenere i costi del nuovo focolaio di Coronavirus, molte aziende stanno iniziando a valutarne gli effetti economici. Secondo un’analisi di Bain & Company, che si focalizza sull’economia cinese (inevitabilmente correlata con molti Paesi occidentali, l’impatto economico che deriverà dall’epidemia del virus Covid-19 sarà grave.

Coronavirus: le differenze con la Sars del 2002-2003

Tra le epidemie del passato – influenza aviaria, influenza suina e Sars – solo la Sars del 2002-2003 sembra davvero paragonabile. Finora, sembra essere meno letale per i pazienti colpiti, con un tasso di mortalità del 2%-3% contro quello della Sars pari al 6,6%. Tuttavia, il Coronavirus sembra essere molto più contagioso: il numero di casi è già di otto volte superiore al numero di contagiati segnalati durante l’intero periodo di epidemia della Sars, e il numero di decessi ha superato quelli dovuti alla Sars.

++LEGGI ANCHE: Coronavirus e assenze dal lavoro: 5 situazioni da conoscere++

Cina: il gigante asiatico costituisce il 16% del Pil globale

In termini finanziari, la differenza maggiore tra l’epidemia in corso e la Sars è la dimensione dell’economia cinese, che nel 2003 ammontava a 13,74 trilioni di yuan (Rmb). La Sars ha ridotto il Pil della Cina di quasi l’1% (o circa 100 miliardi di Rmb). Nel 2003, tuttavia, la Cina rappresentava solo il 4% del Pil globale. Con quasi 100 trilioni di Rmb oggi, l’economia cinese è sette volte più grande, costituisce più del 16% del Pil globale e svolge un ruolo di importanza critica in molte supply chain globali.

Emergenza Coronvaris: 5 consigli per i top manager

Sebbene sia ancora presto per avere visibilità sull’effettivo costo – in termini umani e finanziari – della crisi del Coronavirus, le aziende possono già iniziare a minimizzarne gli effetti seguendo, in questo periodo difficile di emergenza sanitaria, cinque regole d’oro. Roberto Prioreschi, managing director di Bain & Company in Italia, sottolinea che “l’esperienza di Bain e le analisi della società dimostrano che, in tempi incerti, un approccio attendista è spesso la mossa più dannosa per le aziende. Quelle che reagiranno nell’immediato, invece, se la caveranno meglio non solo durante la crisi, ma saranno meglio posizionate anche durante la successiva fase di ripresa” e raccomanda cinque principi per guidare i dirigenti:

1. Partire dalla fineRiesaminate e riconsiderate la vostra strategia a lungo termine, valutando le condizioni di mercato e le implicazioni a lungo termine, definite cosa desiderate per la vostra azienda una volta passata la crisi e stabilite dove investire per guadagnare quote di mercato;- Adeguate il vostro piano per il 2020, incorporando gli ultimi cambiamenti delle condizioni di mercato nel vostro budget per il 2020 e riequilibrando i costi sulla base di previsioni economiche riviste;

2. Proteggete prima di tutto il vostro staffProteggete il talento. Fate della sicurezza e del benessere dei dipendenti la vostra priorità e investite quanto necessario per garantir loro un ambiente di lavoro sicuro e sano;- Preparatevi ora per le vostre future esigenze di talenti. Pianificate ora e acquisite i collaboratori di cui avete bisogno, dato che le condizioni di mercato incerte rendono spesso disponibili gli individui talentuosi.

3. Cash is kingTagliate i costi e gestite la liquidità. Gestire la liquidità in modo rigoroso e liberare ulteriore liquidità intrappolata nel bilancio aiuterà le aziende, indipendentemente dalla durata dell’epidemia;- Monitorate da vicino il vostro processo di produzione e distribuzione. Create un buffer di fornitura sufficiente che tenga conto delle sospensioni del traffico e delle chiusure dei fornitori, e monitorate la catena end-to-end, comprese le materie prime, le scorte e le consegne;

4. Tenete il passo con il cambiamentoMonitorate e regolate rapidamente le leve commerciali. Riallineate la vostra offerta di prodotti, l’organizzazione commerciale, i partner e l’approccio di marketing per rispondere alle mutevoli condizioni del mercato, sia ora che dopo la fine dell’epidemia.

5. Investire a lungo termineSiate pronti a cogliere le opportunità e le sfide. Aggiornate proattivamente i vostri piani di M&A e di partnership, includendo potenziali acquisizioni, dismissioni, partnership e mosse audaci. Siate pronti a muovervi rapidamente se si presentano delle opportunità. Considerate i potenziali cambiamenti nelle condizioni del mercato cinese post-Coronavirus, esaminando con cautela le valutazioni e realizzando un’attenta due diligence prima di prendere delle decisioni.

© Riproduzione riservata