Cucina italiana: un business da 228 miliardi di euro

I dati del Foodservice Market Monitor di Deloitte evidenziano la ripresa del mercato della ristorazione, che segna un giro d’affari da 2,6 trilioni di euro. La cucina del nostro Paese segna un +11%, è tra i migliori per rapporto qualità-prezzo

cucina italianaIrina Kozmova/iStockPhoto

Il mercato della ristorazione ha archiviato ufficialmente la parentesi della pandemia. Secondo il report Foodservice Market Monitor di Deloitte, a livello globale questo business ha raggiunto lo scorso anno i 2,6 trilioni di euro, riallineandosi ai livelli pre-Covid, mentre il mercato nazionale della ristorazione sale a 75 miliardi. In netta ripresa anche la cucina italiana nel mondo, che registra un valore complessivo di 228 miliardi di euro.

La consegna a domicilio ha aumentato la sua share sul mercato totale, passando dal 5% al 19% (2016 vs 2022), grazie a una crescita significativa per il sesto anno consecutivo.

Cresce la cucina italiana nel mondo

Con una crescita dell’11%, nel corso del 2022 la cucina italiana si è riallineata ai valori pre-pandemia (236 miliardi nel 2019). A livello globale, la cucina italiana presenta una significativa penetrazione (19%) nel mercato dei ristoranti tradizionali. I ristoranti di cucina italiana sono principalmente posizionati nel mondo come Value-for-money (ovvero quelli che presentano un buon rapporto qualità-prezzo), mentre i Paesi asiatici risultano avere la maggiore incidenza di ristoranti italiani Premium Price.

 Asia Pacifico la regione trainante, seguono Nord America ed Europa

La regione Asia Pacifico rappresenta il 41% del totale del mercato della ristorazione, seguita da Nord America (27%) ed Europa (19%). Secondo le stime di Deloitte, il mercato mondiale del Foodservice continuerà a crescere nei prossimi anni, con un tasso di crescita annuo del 4,5%, principalmente trainato dai Paesi asiatici (+6,4%), che consolidano la propria posizione dominante sul mercato.

Nord America ed Europa dovrebbero crescere a un tasso inferiore rispetto al mercato globale, (+ 2,5% e +2,8%).

Italia primo Paese in Europa per numero di ristoranti tradizionali

Analizzando il mercato globale per tipologia di ristorante, il Foodservice è costituito principalmente da ristoranti Full Service (i ristoranti “tradizionali”), che rappresentano il 46% del totale, con un’elevata concentrazione in 10 Paesi che coprono il 78% del mercato totale. In Italia, i ristoranti “Full Service” rappresentano la metà del mercato, un dato che ci rende il primo Paese europeo per dimensioni in questo segmento.

Il peso delle catene

Se le catene pesano un terzo del mercato totale del Foodservice nel mondo, mostrando una crescita a doppia cifra nel 2022 (+19,4%), principalmente trainate dal Nord America, in Italia, l’incidenza è notevolmente inferiore, rappresentando solo il 9% del totale nel 2022, nonostante il notevole incremento evidenziato nell’ultimo anno (+44,4%), in cui si è osservata una significativa riduzione dei ristoranti indipendenti, gravemente colpiti dalle restrizioni della pandemia.

© Riproduzione riservata