Bancomat-Nexi: un’intesa che fa felici banche e operatori di mercato

Le due società lavoreranno a una nuova infrastruttura tecnologica che consentirà di ridurre sensibilmente i tempi di sviluppo di nuovi prodotti e servizi e di ampliare la propria offerta

Bancomat-NexiShutterstock

Bancomat e Nexi hanno annunciano la sottoscrizione di un contratto pluriennale per la realizzazione di una nuova infrastruttura tecnologica centralizzata che consentirà a Bancomat di gestire in maniera ottimale e autonoma l’offerta di servizi di pagamento innovativi. La nuova infrastruttura, si precisa in un comunicato congiunto, consentirà alle banche e agli operatori del mercato dei pagamenti di ridurre sensibilmente i tempi di sviluppo di nuovi prodotti e servizi e di ampliare la propria offerta, oltre a garantire vantaggi in termini di semplificazione dei processi, controllo e migliore governance, con il medesimo grado di economicità.

L’accordo, inoltre, darà vita a un unico centro applicativo Bancomat tramite il quale i Pos fisici e virtuali e gli Atm degli acquirer potranno dialogare con i sistemi autorizzativi degli issuer, assicurando a Bancomat sia il presidio diretto sulla catena del valore, sia il controllo sulla innovazione e sugli adeguamenti normativi. Secondo le due aziende, la partnership prevede ulteriori evoluzioni in futuro che, tramite l’infrastruttura centralizzata, metteranno a disposizione dei clienti un’offerta innovativa all’altezza delle best practice internazionali del settore e un portafoglio di servizi di ampio respiro, anche in ambito e-commerce, capace di rispondere alle esigenze sia del mass market sia dei segmenti di mercato di dimensioni più ridotte.

“Lo sviluppo di nuovi servizi all’avanguardia andrà a beneficio dell’intero sistema economico e finanziario e ci posizionerà al centro della trasformazione digitale del Paese”, ha affermato l’a.d. e direttore generale di Bancomat, Alessandro Zollo, mentre per Andrea Mencarini, Issuing Solutions Director di Nexi, l’intesa raggiunta con Bancomat “rappresenta un altro passo nel percorso di trasformazione del mondo dei pagamenti digitali, sempre più diffusi anche in Italia e ormai fondamentali per la digitalizzazione dell’economia del nostro Paese”.

© Riproduzione riservata