Connettiti con noi

Business

All’Agcom superpoteri per combattere la pirateria

Il testo-bozza del Governo che affida al Garante per le comunicazioni nuovi funzioni in tema di tutela del diritto d’autore on line

“Disposizioni interpretative in materia di competenze dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni” è il titolo della bozza del testo del Governo (sembra a opera del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Antonio Catricalà) che attribuisce all’Agcom il potere di vigilare sulla tutela del diritto d’autore.

Nell’art.1 si specifica che «entro 30 giorni dall’entrata in vigore della presente legge, l’Autorità adotta un regolamento che disciplina le procedure di notifica e rimozione dei contenuti in qualunque modo resi accessibili in Italia in violazione della legge 633/1941». In base al testo, all’Agcom sarebbe affidato il compito di «emanare un regolamento che disciplini la rimozione dei contenuti telematici violativi del diritto d’autore e la risoluzione delle controversie che ne derivano». Il testo continua affermando che «in caso di violazione dei conseguenti ordini e delle diffide emanati dall’Autorità, oltre all’irrogazione delle sanzioni pecuniarie previste dalla legge istitutiva dell’Autorità medesima, questa possa disporre, in casi di particolare gravità ovvero se le violazioni dovessero ripetersi, la completa disabilitazione dell’accesso al servizio telematico oppure, nel caso in cui sia tecnicamente possibile, ai soli contenuti resi accessibili in violazione delle norme sul diritto d’autore».

Infine «a completamento del quadro di tutela dei contenuti telematici coperti da diritto d’autore, sono infine assegnati all’Agcom compiti di incentivazione dell’adozione di normative organiche di condotta che, disciplinando il rapporto tra titolari del diritto d’autore e prestatori di servizi, favoriscano l’offerta legale di tale contenuti». Importante segnalare che l’art.4 della bozza prevede l’abrogazione dei commi 5 e 6 dell’art.1 del decreto legge 72/2004 che attribuiva alle forze di polizia, in accordo con l’autorità giudiziaria, la competenza ad intervenire in materia di tutela del copyright su Internet.