© Scott Halleran/Getty Images

Tiger Woods sorride nel quarto giro del Hero World Challenge il 7 dicembre 2014

I due fidanzati Lindsey Vonn e Tiger Woods, coppia ricca del mondo dello sport americano, e purtroppo molto infortunata, sono tornati nello scorso weekend alle gare dopo lunghi periodo di riabilitazione per gli incidenti subiti: la sciatrice era impegnata in Canada nella discesa libera di Coppa del Mondo e il golfista era in Florida per un torneo di beneficenza a inviti. Lindesy Vonn era caduta un anno fa nelle prove della discesa libera di Val d’Isere e la gamba destra, operata dopo la rovinosa caduta ai Mondiali di sci a marzo 2013, non aveva retto costringendo la campionessa americana a un’altra operazione chirurgica e una lunghissima riabilitazione. Tiger Woods aveva giocato al PGA Championship lo scorso agosto e si era ritirato dopo 36 buche per un forte dolore alla schiena che si è rivelato essere causato da un’ernia discale.

La sciatriceLindsey Vonn ha gareggiato venerdi 5 dicembre in discesa libera e si è piazzata ottava, sabato nella seconda discesa libera ha vinto e domenica 7 dicembre è arrivata seconda nel SuperG. E’ stato un grande successo per la sciatrice americana che ha collezionato la sua 60° vittoria in coppa del Mondo e ha mandato un segnale di grande preparazione fisica alle sue avversarie, infatti con queste sole tre gare Lindsey Vonn è salita al 4° posto nella classifica di Coppa del Mondo con 212 punti.

Meno bene il fidanzato golfista Tiger Woods che è tornato sul green giovedi 4 dicembre nella prima giornata di gara al Hero World Challenge e ha giocato 77 colpi, +5. Tiger ha giocato molto meglio nelle altre giornate di gara con score di 70, 69 e 72 colpi. Il risultato finale è stato di 288 colpi, ultimo classificato a pari con Hunter Mahan, lontani 26 colpi dal vincitore Jordan Spieth, ma “solo” 16 colpi dal secondo classificato Henrik Stenson.

Ma se non si guarda al solo punteggio ci sono alcuni elementi molto positivi nella prima gara di Tiger Woods. Dopo pochi giorni con il nuovo allenatore Chris Como e con i nuovi ferri Nike lo swing di Tiger Woods è apparso meno forzato, meno violento, e più preciso. Dopo cinque mesi lontano dai campi Tiger ha giocato 72 buche e non ha dato segni di dolore e di fatica, anzi alla conferenza stampa alla fine del torneo era molto sorridente, cosa che non si vedeva da tanto tempo. I suoi errori in questo torneo sono venuti dai colpi corti: nel primo giro alla buca 8 ha dovuto giocare tre chip da una cinquantina di metri per arrivare al green, e nel quarto giro ha fatto la stessa cosa per un triplo bogey alla buca 13, e per la stessa ragione ha fatto doppio bogey alla buca 18 del secondo giorno.