©iStock

Se si sceglie Roma come città in cui avviare o proseguire la propria carriera professionale è necessario raccogliere il maggior numero di informazioni possibile, in modo da orientare al meglio la propria ricerca e i propri percorsi formativi, ed evitare di disperdere tempo ed energie.

Come intuibile, la Capitale d’Italia è snodo di molteplici attività produttive e anche crocevia di molti professionisti.

Seppure il fulcro nevralgico dell’economia italiana non abbia sede qui e molte delle grandi aziende hanno sede in città come Torino o Milano, in realtà anche Roma può vantare a pieno titolo ottime opportunità in campo industriale.

In più, soprattutto per chi si trasferisce per la prima volta nel capoluogo laziale, è importante raccogliere anche molte altre informazioni, relative ai costi e ai ritmi di vita che una metropoli così estesa richiede ai suoi residenti.

Spesso, infatti, proprio i costi della vita, le distanze da coprire, i collegamenti, possono fare la differenza nella scelta dello sbocco migliore per la propria carriera e anche sulla validità di un’offerta di lavoro.

Prima di passare in rassegna i principali sbocchi di lavoro, riteniamo opportuno dedicare alcune righe anche alla vita romana extra-lavorativa.

Vivere a Roma

Uno dei primi nodi da sciogliere, prima ancora di firmare un nuovo contratto di lavoro, riguarda senza dubbio l’alloggio.

Cercare delle stanze in affitto a Roma o addirittura appartamenti interi, non è un gioco da ragazzi. Bisogna informarsi prima sui quartieri migliori in termini di costi e servizi offerti, capire se sono ben collegati col resto della città e, soprattutto, con la sede di lavoro.

In linea di massima, bisogna tener presente che le zone centrali sono quelle più care, è vero, ma anche quelle meglio collegate, ben servite e dove si concentrano le principali sedi lavorative in ambito istituzionale, amministrativo e privato.

Un’altra zona molto vivace dal punto di vista lavorativo è l’Eur, quartiere moderno, quasi all’avanguardia, dove hanno sede molti uffici, aziende e studi internazionali, ben servito e anche ben collegato col resto della città.

Se, invece, la sede di lavoro è fuori dal centro urbano, è più opportuno trovare sistemazione nelle aree più periferiche, dove si ha un facile accesso agli snodi stradali più importanti, per raggiungere l’hinterland, sia con i mezzi pubblici che con quelli propri, e i costi degli affitti sono anche più accessibili.

I settori lavorativi più ricercati a Roma

Nella ricerca di un lavoro a Roma bisogna tener presente due fattori. Il primo è che si tratta della capitale istituzionale d’Italia, quindi, tutti gli uffici che afferiscono alla Pubblica Amministrazione, alle Istituzioni e alle Ambasciate internazionali hanno sede qui.

Propendere per questo settore professionale e puntare su Roma, vuol dire aprirsi le strade di una carriera molto interessante, a prescindere dalla specializzazione che si intende raggiungere.

Il secondo settore che va per la maggiore a Roma è quello turistico, da cui deriva un’ampia ricerca di figure professionali in ambito ristorativo e alberghiero. Probabilmente, anche più rispetto a quello istituzionale è proprio questo il comparto di attività in cui si cerca il maggior numero di figure.

Dai receptionist fino ai direttori di sala, dai sommelier fino agli chef, dalle guide turistiche ai gestori di piccole attività ricettive, sono queste le professioni che s’impongono nella Capitale.

Ciò non toglie, però, come già accennato, che a Roma sono presenti le sedi di molte grandi aziende nazionali e internazionali, grandi studi professionali, agenzie di comunicazione e aziende di servizi; pertanto, è importante monitorare e tenere sott’occhio anche il settore terziario, in generale.

In tal senso, non bisogna dimenticare nel proprio percorso di studi e specializzazioni, di approfondire la conoscenza di una o più lingue straniere, in modo da garantirsi maggiori opportunità di successo, in sede di colloquio.