e-book © GettyImages

Il presidente dell’Aie, Marco Polillo, ha lanciato l’allarme pirateria sul fronte e-book. Secondo i dati dell’Ufficio degli editori, a fronte di 19 mila libri disponibili in versione digitale, circolerebbero 15 mila titoli in versione pirata. Non solo. Dei 25 titoli più venduti secondo la classifica Ibs.it, nel giro di una settimana circa 17 risultano disponibili legalmente in versione e-book, mentre ben 19 hanno già versioni pirata (76%).
“Il mercato digitale – ha spiegato Polillo - si può sviluppare solo se gli autori e gli editori conserveranno il diritto di sfruttare anche con i nuovi mezzi i contenuti creati e pubblicati. Per questo restiamo dell’opinione che la pirateria è un problema e sottolineiamo il suo peso nel mercato editoriale italiano, non meno di quanto avviene per il resto dell’industria culturale. Se la pirateria non sarà limitata, il mercato digitale semplicemente non potrà svilupparsi, con grave danno soprattutto per i lettori. Se gli investimenti che le imprese stanno oggi facendo non avranno un loro ritorno, infatti, il rischio è che il mercato muoia sul nascere”.