La vicenda potrebbe piacere a Dan Brown. Nessuno può dire che aspetto avesse Palladio, il più conosciuto architetto degli ultimi cinque secoli. Non esiste, infatti, un ritratto risalente alla sua vita. O meglio, sappiamo da Vasari che ne sono esistiti almeno due: un primo, a opera del pittore veronese Orlando Flacco, e un secondo attribuito a Tintoretto. Di entrambi però si sono perse le tracce.

Perché il “padre” della Casa Bianca non ha un vero volto? Guido Beltramini conduce il visitatore nei meandri di una storia che si è fatta leggenda, tra falsificazioni, equivoci e colpi di scena. Giungendo a una verità che riporta a Erasmo da Rotterdam, (Palladio. Il mistero del volto , Vicenza, Palladio Museum, fino al 4 giugno).