Internet nelle aree montane italiane: partnership tra Eolo e Uncem

Da sinistra, Marco Bussone, presidente di Uncem, e Luca Spada, Ceo e presidente di Eolo

Portare internet ultraveloce nelle aree italiane in digital speed divide , ovvero in quei Comuni e zone del nostro Paese dove la banda ultralarga latita. È l’obiettivo della partnership appena annunciata tra Uncem, l’organizzazione nazionale che associa e rappresenta i Comuni e le Comunità montane, ed Eolo, la società specializzata nella fornitura di connettività in banda ultralarga fixed-wireless.

La partnership, nata nel 2019, ha un duplice obiettivo: ridurre lo spopolamento e aumentare l’attrattività delle aree montane e rurali italiane, anche a seguito della pandemia, facendo leva sull’inclusione digitale e sulla tecnologia fixed wireless (Fwa). L’Fwa, si sottolinea in una nota congiunta, ha giocato un ruolo fondamentale nel fornire servizi a banda ultra-larga alle aree più remote del Paese e, grazie alle evoluzioni tecnologiche in ottica 5G, avrà un ruolo chiave anche per il completamento della copertura del territorio nazionale con reti ad altissima capacità (Vhcn), laddove non è tecnicamente e/o economicamente fattibile realizzare un’infrastruttura in fibra fino alle case.

“Ho fondato Eolo pensando al ruolo sociale e inclusivo della tecnologia Fwa, con l’obiettivo di garantire a tutti i cittadini il diritto a una connessione adeguata alle esigenze quotidiane di lavoro e di vita”, ha commentato Luca Spada, Ceo e presidente, nonché fondatore di Eolo. “Una missione che da quest’anno si riflette anche nel nostro status giuridico; ad aprile scorso, infatti, siamo diventati una società Benefit che ha stabilito obiettivi di sostenibilità concreti e misurabili. La partnership con Uncem è per noi una collaborazione strategica che dimostra chiaramente quanto sia importante alimentare un costante dialogo tra fornitori di servizi Internet che operano sul territorio e Istituzioni al fine di accelerare la digitalizzazione del nostro Paese”.

Connettersi per crescere - L'intervista di Business People a Luca Spada