Burberry, Gucci, Dior, Bulgari e Moncler: brand al top nel lusso digitale

Burberry, Gucci, Dior, Bulgari e Moncler. Sono i vincitori dell’edizione 2019 dei Digital Awards di Altagamma, riconoscimento riservato ai migliori marchi del lusso che più si contraddistinguono nella leadership digitale. Giunto alla terza edizione, il premio è realizzato in collaborazione con Contactlab, sulla cui piattaforma Digital Competitive Map si basa la metodologia di valutazione del premio. Due le categorie dei Digital Awards 2019: Migliore offerta digitale  e Migliore relazione con il consumatore , con segnalazione – per ciascuna – del Best in Class e del Best Improver, più uno Special Award per chi si è maggiormente distinto nel corso delle ultime tre edizioni della ricerca.

I Best in Class 2019 che vincono il titolo sono Burberry (migliore offerta digitale) e Gucci (migliore relazione con il consumatore); il premio Best improver 2017-2019 se lo aggiudicano Dior (migliore offerta digitale), Bulgari e Moncler (migliore relazione con il consumatore) per i progressi fatti negli ultimi 2 anni in questo campo. A Burberry viene anche assegnato anche uno Special Award per essere da tre anni al top dell’eccellenza digitale. “Gli Altagamma Digital Awards intendono premiare i Best in Class nelle diverse categorie ma anche fungere da osservatorio annuale delle migliori practice in questo ambito strategico”, commenta Stefania Lazzaroni, direttore generale di Altagamma. “I consumatori di alta gamma – e fra questi i Millennial cinesi che già rappresentano il 30% del mercato – sono i più sensibili al modo in cui i grandi marchi veicolano online valori e servizi, sia attraverso i siti corporate ed e-commerce, sia attraverso i social media”.

I pilastri per una strategia digitale di successo

Il premio è stata anche l’occasione per presentare un analisi di McKinsey & Company sul settore. “Il mondo del lusso è al centro di una profonda rivoluzione guidata dal digitale, che porterà nuove e importanti opportunità di business. Basti pensare che le vendite online di beni di lusso, che nel 2018 si sono attestate sui 28 miliardi di euro, raggiungeranno i 65-85 miliardi entro il 2025”, ha spiegato Antonio Achille, Senior Partner e Global Head of Luxury di McKinsey & Company.“Per cogliere tali opportunità, i brand dovranno concentrarsi su quattro priorità fondamentali: l'integrazione omnichannel, lo sviluppo dei canali e degli ecosistemi digitali, la costruzione di uno storytelling efficace e, infine, l’uso delle tecnologie per soddisfare il bisogno di autenticità dei consumatori e conquistare così la loro fiducia”.