Guglielmo Marchetti © Jaime Londono

Guglielmo Marchetti, Ceo di Notorious Pictures © Jaime Londono

Crescita qualitativa e quantitativa dei film distribuiti e avvio dell’attività di produzione e co-produzione nazionale e internazionale. Sono le linee strategiche del Piano industriale 2015-2017 di Notorious Pictures, presentato oggi in Borsa Italiana.
Dopo aver registrato nel primo semestre 2014 ricavi da box office superiori a quelli realizzati nell’intero 2013 ed essersi aggiudicata il ruolo di primo operatore indipendente del cinema italiano per biglietti venduti (e quinto in assoluto dopo major del calibro di Warner Bros, 20Th Century Fox e Walt Disney, oltre alla 01 Distribution del gruppo Rai), la società ha confermato gli obiettivi per il prossimi triennio preannunciati in occasione della Ipo nel giugno scorso. In particolare, l’intenzione è quella di ampliare la library attraverso piani editoriali che prevedono l’acquisizione di circa 18 nuovi titoli all’anno, ma anche di incrementarne la qualità acquisendo film a maggior potenziale commerciale in termini di budget di produzione e di cast. Inoltre, già dal 2016 presenterà tra le pellicole in uscita due titoli che la vedono in veste di produttore o co-produttore, che saliranno a tre l’anno successivo.

TARGET 2017 E OUTLOOK 2014
Alla luce di queste strategie, che prevedono di conseguenza un investimento medio di acquisto film e P&A (Printing & Advertising) in netta crescita – da 213 a 378 mila euro il primo, da 416 a 504 mila il secondo –, il piano stima che il box office totale salirà dai 24,948 milioni di quest’anno (forecast aggiornato a novembre) ai 37,880 del 2017.
Di qui a tre anni Notorious Pictures prevede così di raggiungere obiettivi ambiziosi: un fatturato in forte crescita con un Cagr 2014-2017 del 18%, ricavi pari a 39,8 milioni di euro, Ebitda da 26,6 milioni, Ebit a quota 19,2, utile netto di 13,1 milioni e liquidità netta di 18 milioni. Tali risultati, annunciano dalla società, sarebbero l’effetto del consolidamento di una strategia aziendale che consente di prevedere ottimi riscontri già nel 2014, con ricavi attesi pari a 25,5 milioni di euro, Ebitda a 14,5 milioni e utile netto di 7,4 milioni.

DIVIDENDI E INCENTIVI
Il piano prevede, inoltre, altre due importanti novità. Innanzitutto, vista l’aspettativa di una forte capacità reddituale, il cda ha adottato una politica di distribuzione dei dividendi per il periodo 2015-2017 con un pay out ratio  atteso pari al 25% dell’utile netto, fatte salve eventuali operazioni di natura straordinaria. Sulla base delle stime succitate, tale politica consente di prevedere un divident yeld  pari al 3,9%, calcolato sulla base del prezzo ufficiale del titolo al 25 novembre, ossia 2,59 euro.
In secondo luogo, la società ha deliberato un piano d’incentivazione monetario a medio termine per dirigenti, dipendenti e amministratori, legato al raggiungimento degli obiettivi di fatturato ed Ebit stabiliti.

LAVORI IN CORSO
In occasione della presentazione del piano industriale, il Ceo Guglielmo Marchetti ha inoltre ammesso che, se per il momento questo non tiene conto di possibili operazioni di natura straordinaria, Notorious Pictures non esclude di perseguire opportunità di crescita anche attraverso linee esterne per accelerare il processo di sviluppo e sfruttare eventuali opportunità in aree di business strettamente collegate. Più nello specifico, sarebbe in corso di valutazione l’idea di acquisire una società di produzione già avviata. Insieme al presidente Ugo Girardi ha poi annunciato di essere già al lavoro per un ulteriore passo in avanti, che dovrebbe portare la società ad abbandonare presto Aim, il mercato di Borsa Italiana dedicato alle piccole e medie imprese italiane, per “giocare con i grandi”.