Coronavirus: la statunitense Fed lancia un piano da 700 miliardi

(Foto Getty Images)

In momenti eccezionali, eccezionali provvedimenti. Alla Federal Reserve non sono bastati gli interventi degli ultimi giorni di 1500 miliardi di dollari a sostegno dei mercati al fine di liberare liquidità a breve termine, perché è tornata con un provvedimento per iniettare liquidità nell’economia a stelle strisce e ai mercati internazionali. Ciò ha comportato un coordinamento con tutte le principali banche centrali internazionali, Bce compresa, “per assicurare liquidità a sostegno dell'economia minacciata dall'emergenza coronavirus”.

La Fed presieduta da Jerome Powell ha così abbassato i tassi di interesse fino alla fascia 0-0,25%, ai minimi storici seguiti al crac di Lehman Brothers, impegnandosi a mantenerli fino alla fine dell’emergenza pandemica. A ciò si unirà un Quantitative Easing da 700 miliardi di dollari (500 in acquisti di buoni del Tesoro + 200 in acquisti di titoli ipotecari).

L’obiettivo dichiarato è dalla Federal Reserve americana è di “usare il potenziale completo dei suoi strumenti per sostenere il flusso di credito per le famiglie e le imprese e per rafforzare i suoi obiettivi sull'occupazione e la stabilità dei prezzi".