Connettiti con noi

Attualità

I giovani italiani sono fra i più lenti in Europa a uscire di casa

L’età media in cui i nostri ragazzi lasciano il nido è 30,1 anni, contro una media europea di 26 anni. I più precoci sono quelli dei Paesi nordici

Avete presente quei giovani intraprendenti, che non vedono l’ora di guadagnare qualcosina per poter uscire di casa e “spiccare il volo”? Ecco, in Italia sono in via d’estinzione. In alcuni casi si tratta di un’effettiva scelta di comodo, ma in molti altri si tratta di una scelta obbligata, derivata da una reale difficoltà a guadagnare uno stipendio adeguato a mantenersi da soli. A dirlo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat, riferiti al 2017, secondo cui mediamente gli italiani lasciano la casa dei genitori a 30,1 anni, contro una media europea di 26 anni. A impiegare più tempo di noi sono solo i croati (31,9 anni), gli slovacchi e i maltesi (30,8). Per il resto, in Europa sono tutti più veloci di noi: se i bulgari lasciano il “nido” a 29,6 anni, gli spagnoli a 29,5, i greci a 29,3 e i portoghesi a 28,9, ci sono poi molti popoli molto più precoci. Innanzitutto gli svedesi, con una media di 18,5 anni, seguiti dai lussemburghesi (20,1 anni), dai danesi (21,1 anni) e dai finlandesi (22). Fanno registrare medie molto basse, sotto i 25 anni, anche i giovani dell’Estonia (22,2 anni), di Germania, Francia e Paesi Bassi (tutti e tre 23,7 anni) e del Regno Unito (24,7 anni).

Anche se si legge il dato al contrario, ossia se si guarda il numero dei giovani tra i 25 e i 34 anni che ancora vivono con i genitori, la situazione italiana non è confortante: con una percentuale del 49,3% siamo decisamente al di sopra della media europea, ferma al 28,5%. E siamo lontanissimi dai Paesi nordici, dove la percentuale scende al di sotto del 10%: in Danimarca, per esempio, è al 3,2%, in Finlandia al 4,7% e in Svezia al 6%. Consoliamoci, però: c’è chi fa molto peggio di noi, come Croazia (59,7%), Slovacchia (57,0%) e Grecia (56,3%).In quasi tutta Europa, le più intraprendenti sono le donne: tendono a lasciare la famiglia d’origine prima degli uomini.