Parità di Genere: un primato per Pisa 1940

La società guidata da Maristella e Chiara Pisa è tra i primi retailer del lusso a ottenere la Certificazione in Italia

Parità di Genere: un primato per Pisa 1940Chiara Pisa, terza generazione della famiglia Pisa

Certificazione di Parità di Genere ottenuta per Pisa 1940, realtà storica milanese del settore dell’alta orologeria conosciuta come Pisa Orologeria fino allo scorso anno. Per l’azienda guidata da Maristella e Chiara Pisa si tratta di un primato: Pisa 1940 è tra i primi retailer di orologeria e gioielleria a ottenere questo riconoscimento in Italia – rilasciato secondo gli standard Accredia, in applicazione del Regolamento europeo 765/2008.
Questa certificazione ha richiesto oltre un anno di lavoro su organizzazione e modernizzazione dei processi aziendali. Il lavoro svolto ha preso in esame una serie di indicatori qualitativi e quantitativi, suddivisi in sette aree distinte: cultura e strategia, governance, processi Hr, opportunità di crescita e inclusione delle donne in azienda, in un rapporto numerico pressoché paritetico fra i due sessi, equità retributiva per genere, conciliazione vita-lavoro e tutela della genitorialità.

Ci siamo sempre concentrati sull’aspetto umano, tanto del cliente quanto del nostro personale”, sottolinea Matteo Giustarini, Hr Director di Pisa 1940. “Un contesto sereno, inclusivo ed egualitario contribuisce a rendere il lavoro di ciascuno più appassionante ed efficace e il conseguimento della Certificazione della Parità di Genere ha rappresentato un ulteriore passo per la valorizzazione del nostro capitale umano, a dimostrazione dei valori personali e dei principi su cui l’azienda ha costruito negli anni la propria crescita”. Gli investimenti nella formazione professionale dello staff rientrano proprio in quest’ottica. Grazie alla stretta collaborazione con la Fondation Haute Horologerie, oggi, più del 50% del personale è dotato di certificazione attestante conoscenze professionali riconosciute su scala internazionale.

Un nuovo Flagship Store

Mantenendo un occhio attento sul fronte dell’e-commerce – è stato creato un nuovo sito corporate, punto di contatto diretto con il cliente e all’avanguardia nei servizi di assistenza e customer care – l’azienda sta reinterpretando anche i suoi negozi fisici, ora intesi come luoghi d’incontro, di ospitalità e inclusività, non solo di vendita.

In quest’ottica si è ripensato anche al ruolo del Flagship Store: custode dell’identità di Pisa 1940, è oggetto di una ristrutturazione graduale che nei prossimi mesi ne aggiornerà la fisionomia, l’accoglienza e l’esperienza d’acquisto.

“Il nostro posizionamento e la nostra missione ci spingono ad avere una visione ampia, in grado di abbracciare il dettaglio commerciale e il contesto sociale simultaneamente, consapevoli di come entrambi possano contaminarsi vicendevolmente. Governare questa contaminazione, è il cardine della nostra strategia”, ha concluso Chiara Pisa.

© Riproduzione riservata