Andrea Diotto cresce in Solvay

In azienda dal 2011, già direttore del sito di Spinetta Marengo (Al), Diotto assume l’incarico di direttore tecnico di Solvay Specialty Polymers 

Andrea-Diotto-SolvayAndrea Diotto

Andrea Diotto è stato nominato direttore tecnico di Solvay Specialty Polymers con responsabilità sulle aree di tecnologie di processo e Investimenti capitali.

Nel nuovo ruolo, Diotto è chiamato a ricoprire una posizione internazionale di coordinamento e supervisione sullo sviluppo di nuovi processi industriali e sull’installazione di nuovi impianti per tutti i 17 stabilimenti produttivi di Solvay Specialty Polymers nel mondo. Andrea Diotto sarà basato nel headquarter italiano di Bollate, in provincia di Milano.

Il profilo di Andrea Diotto

Diotto, 48 anni e in Solvay dal 2001, ha lavorato prima negli Stati Uniti con la partecipazione anche a importanti progetti in Cina e in Tailandia per poi rientrare nel 2010 in Italia nello stabilimento di Spinetta Marengo (Al).

Dopo aver ricoperto il ruolo di responsabile di produzione, nel 2018 ha assunto la carica di direttore del sito di Spinetta Marengo, continuando a coordinare il piano di investimenti effettuati a Spinetta Marengo dal Gruppo Solvay, che dal 2002 ha investito circa 600 milioni di euro per lo sviluppo, la modernizzazione e la sostenibilità ambientale di tutti gli impianti del sito industriale.

Colosio nuovo direttore dello stabilimento di Spinetta Marengo

Stefano Colosio

Stefano Colosio, 53 anni, entra nel Gruppo Solvay dopo aver sviluppato nel corso della sua carriera una profonda esperienza industriale in diverse aziende chimiche come Air Liquide e stabilimenti attualmente parte del Gruppo Croda, dove ha ricoperto ruoli di crescente responsabilità nell’ambito dell’operational management, dell’Hse, di technology e del project management.

Una carriera che è iniziata con l’utilizzo di oli e grassi come materie prime rinnovabili dei prodotti oleochimici per il gruppo Unilever e continuata con l’industrializzazione della plastica bio-based nella startup Avantium in Olanda.

© Riproduzione riservata