Connettiti con noi

Lifestyle

A Dozza nascerà un drago: appuntamento per FantastikA 2016

Appuntamento il 24 e 25 settembre per la terza edizione per la rassegna dedicata al genere fantasy e a tutte le sue forme espressive

“La nascita del Drago”. È questo il titolo della terza edizione di FantastikA – Fantastic Art Live in the Castle”, rassegna dedicata al genere fantasy in tutte le sue forme espressive, in programma nella Rocca di Dozza sabato 24 e domenica 25 settembre e che da quest’anno si trasforma in una manifestazione biennale (tornerà, quindi, nel 2018). FantastikA porterà nel borgo medievale a due passi dalla via Emilia alcuni tra i più celebri artisti e illustratori del genere fantastico, diventando uno dei principali eventi di questo settore a livello internazionale.

L’ATTESA DEL DRAGO. A settembre si assisterà anche alla nascita di un enorme Drago. Turisti e visitatori hanno già potuto osservare l’uovo che da mesi pulsa nel sottotetto del castello sforzesco. L’uovo si schiuderà sabato 24 settembre, quando sarà possibile vedere con i propri occhi il grande Drago di Dozza che riposa nella torre più alta della Rocca. L’idea di inserire un elemento di così grande richiamo e suggestione nella torre del castello prende spunto dai racconti fatti da alcuni studiosi imolesi del Seicento a proposito di un gigantesco rettile che attorno al 1062 viveva nella boscaglia paludosa poco distante da Dozza e uccideva il bestiame. Secondo il libro “Draghi, Santi, paludi e serpenti nel Medioevo Imolese” di Marco Medri, il compito di eliminare quell’animale pauroso venne affidato al Cavaliere d’Arme Cassiano Oroboni che tentò l’impresa nei pressi di Bubano, dove il Drago era solito farsi vedere, ma le squame della creatura resistettero ai dardi delle balestre e i soldati si ritirarono. Questo accrebbe la fama del Drago, poi se ne dispersero le testimonianze e nulla vieta di immaginare che il terribile drago abbia deposto un uovo nel sottotetto della rocca di Dozza, un luogo asciutto e riparato da sguardi indiscreti.

Info: fondazionedozza.it