Stipendio, ma non solo: dove vivono i lavoratori più soddisfatti d’Europa

Calano i disoccupati in Italia, ma non è tutto rose e fiori

In un momento storico in cui molte aziende italiane hanno evidenti difficoltà nel trovare nuovi talenti, diventa fondamentale per manager e imprenditori monitorare i livelli di soddisfazione dei propri dipendenti per riuscire, quantomeno, a trattenerli, adottando misure per creare un ambiente attrattivo e premiante. Secondo un’analisi di Hays Italia condotta sui professionisti (prevalentemente middle e top management) di 12 Paesi, nonostante nel 2023 la percentuale degli italiani soddisfatti del lavoro attuale sia cresciuta l’Italia si colloca al penultimo posto tra le nazioni analizzate, seguita solo dal Portogallo (49%) e ben lontana da Paesi come Repubblica Ceca (78%), Romania (73%) e Regno Unito (73%). Anche sotto il profilo retributivo i soddisfatti dello stipendio nel nostro Paese rappresentano solo il 57% del campione, un dato comunque migliore rispetto al Portogallo (40%) ma ancora una volta nettamente inferiore alla Repubblica Ceca (77%).

“Secondo le stime di Unioncamere, la difficoltà di reperimento del personale è costata all’Italia nel 2023 quasi 44 miliardi di euro, per cui è fondamentale che le imprese investano per migliorare il livello di soddisfazione dei dipendenti per trattenerli”, commenta Carlos Soave, Managing Director di Hays Italia. “Nel nostro Paese la soddisfazione cresce ma siamo ancora lontani dai livelli ottimali, per questo bisogna puntare sui bisogni intangibili dei dipendenti e non solo sullo stipendio. I benefit, il work life balance, l’ambiente di lavoro stimolante e le opportunità di crescita oggi sono aspetti essenziali per i lavoratori, e sempre più ne influenzano le scelte di carriera. Le aziende, soprattutto quelle di piccole dimensioni, devono pertanto avviare un radicato cambio culturale se vogliono migliorare la propria reputazione ed essere più attrattivi sul mercato”.

Calano i disoccupati in Italia, ma non è tutto rose e fiori

Fonte Hays Italia

© Riproduzione riservata