Connettiti con noi

Hi-Tech

Cryptojacking, l’ultima tendenza degli attacchi informatici

I criminali informatici seguono i trend del mercato e ora il loro interesse si sta concentrando sulle criptovalute, come i Bitcoin

Con l’aumento delle monete virtuali e delle criptovalute, come Bitcoin e Monero, si sente sempre più parlare di cryptojacking, un vero e proprio incubo per tutti gli utilizzatori di Pc, tablet e smartphone. Ma di cosa si tratta esattamente? Il termine cryptojacking è composto dalle parole inglesi crypto, crittografia, e jack, rubare ed è un neologismo entrato nel nostro vocabolario recentemente e proprio per questo ancora sconosciuto alla stragrande maggioranza della popolazione, con rischi facilmente intuibili.

Dal momento che per generare criptomonete è necessario avere computer e dispositivi molto costosi e potenti, gli hacker hanno trovato una soluzione alternativa e illegale per guadagnare monete sfruttando hardware e processori di computer di altre persone, che diventano in questo modo miner inconsapevoli.

Cryptojacking e il caso WannaMine

Per fare qualche esempio, nel mese di febbraio 2018 si è diffuso in diverse parti del mondo un worn, ossia un malware in grado di autoreplicarsi, chiamato WannaMine che installava dei miner sui Pc delle vittime con lo scopo di utilizzare la potenza del processore e di generare cripto-valute da dirottare poi sul conto dei pirati informatici. Sempre nel mese di febbraio anche Tesla ha subito un attacco di tipo cryptojacking prontamente risolto senza particolari danni. Stime recenti hanno affermato che, fino ad oggi, sono stati circa 700 i server che in tutto il mondo sono stati utilizzati per attività illecite di cryptojacking. Tuttavia, gli esperti come Venustech, azienda leader nella fornitura di soluzioni di sicurezza, ricordano che i mining script possono essere bloccati attraverso l’utilizzo di Ad blocker o per mezzo di apposite estensioni.

Nonostante gli attacchi di cryptojacking siano relativamente difficili da individuare, proteggersi non è però impossibile: sempre secondo gli esperti basterebbe un po’ di attenzione in più e investimenti mirati in buone soluzioni di antivirus e di computer security in grado proteggere completamente il computer e i dispositivi in generale, difendendoli così da qualsiasi attacco esterno.