Tax Free: +42% la spesa dei turisti in Italia

Tax Free: +42% la spesa dei turisti in Italia© Getty Images

Gli acquisti dei turisti extra Ue in Italia è cresciuta del 42% tra gennaio e aprile 2024, anche grazie alla riduzione della soglia che consente di ottenere il rimborso dell’Iva: è la cosiddetta spesa Tax Free che attrae soprattutto i turisti americani, arabi e cinesi. Archiviate definitivamente le restrizioni ai movimenti imposte dalla pandemia, a spingere la domanda è stato l’abbassamento da 155 a 70 euro della soglia che permette ai turisti il rimborso dell’Iva, stabilito all’interno dell’ultima legge di Bilancio.

Il 2023 era già stato caratterizzato da uno straordinario +119% rispetto al 2019, l’anno primo della diffusione del Covid-19, quando erano proprio i cinesi ad acquistare più di tutti, non solamente nel nostro Paese, ma addirittura in tutto il Vecchio Continente.

Ed è proprio sui turisti cinesi che gli operatori contano molto per una definitiva ripresa dei consumi. Come evidenziato in un articolo di Affari & Finanza di Repubblica lo scontrino medio dei turisti cinesi lo scorso anno si attestava sui 1.517 euro, contro i 1.234 degli americani e i 1.080 degli arabi, ma prima del Covid il turista medio asiatico spendeva in Europa mediamente 2.400 euro, contro i 1.100 delle altre nazionalità.

Le previsioni dicono che nel prossimo anno e mezzo la cifra tornerà a superare quella delle altre nazionalità, magari estendendosi maggiormente da Milano, Roma, Firenze e Venezia ad altre località come Amalfi, Assisi, Bellagio, Bologna, Catania, Como, Napoli, San Gimignano e Verona.

© Riproduzione riservata