Connettiti con noi

Finanza

Puig (Rabanne) pronta per la Borsa. Ipo a Madrid da 1,3 miliardi

Marc-Puig Marc Puig, presidente e Ceo del gruppo spagnoloCredits: Photo by Carlos Alvarez/Getty Images

Il gruppo catalano di cosmetica Puig, che include marchi come Rabanne, Charlotte Tilbury e Carolina Herrera, ha concretizzato dopo diversi mesi di attesa il suo piano di Ipo, una delle più grandi offerte pubbliche iniziali da inizio anno, allo scopo di quotarsi alle Borse spagnole di Barcellona, Madrid, Bilbao e Valencia.

L’azienda, presente sul mercato del beauty di fascia alta, intende quindi raccogliere circa 1,3 miliardi di euro con l’emissione di nuove azioni. Puig, come si evidenzia in un articolo del Sole 24 Ore, prevede una seconda offerta più ampia di titoli detenuti dal suo azionista di controllo, controllato da Exea – la holding della famiglia Puig che manterrà la quota di maggioranza della società e la stragrande maggioranza dei diritti di voto – arrivando a più di 2,5 miliardi.

I proventi dell’offerta pubblica serviranno per rifinanziare l’acquisizione di ulteriori quote della svedese Byredo e della britannica Charlotte Tilbury e per sostenere futuri investimenti strategici.

“Si tratta di un passo decisivo per la nostra azienda che compie 110 anni”, ha commentato Marc Puig, presidente e Ceo del gruppo spagnolo che controlla l’11% del mercato globale delle fragranze di fascia alta con ricavi totali che l’anno scorso hanno raggiunto i 4,3 miliardi di euro, in crescita del 19% rispetto al 2022, con un tasso di incremento a doppia cifra in tutti i segmenti e in tutte le aree geografiche. Numeri che hanno superato le previsioni del piano dell’azienda, stabilito nel 2021, di raggiungere un fatturato di 3 miliardi nel 2023. La società ha ottenuto quindi un risultato operativo lordo di 849 milioni di euro con un margine Ebitda del 20% e un utile netto di 465 milioni (+16%).

Rabanne, che prima si chiamava Paco Rabanne, ha vissuto un rinnovamento che ha portato al lancio della prima collezione di make-up e soprattutto l’ha trasformato nel primo marchio di Puig con un miliardo di euro di vendite, tutto questo alla vigilia del suo 60esimo anniversario.