Connettiti con noi

Business

Ferrari, a giugno verrà inaugurato l’e-building per le auto elettriche

L’annuncio arriva da Benedetto Vigna, confermato amministratore delegato della società

benedetto vigna ferrari

Ferrari guarda al futuro. Nel corso dell’ultima assemblea degli azionisti, è stata infatti annunciata una grossa novità che riguarda la struttura produttiva della società e il comparto dell’auto elettrica.

Il 21 giugno 2024, stando a quanto dichiarato da Benedetto Vigna, appena riconfermato amministratore delegato di Ferrari, verrà infatti inaugurato l’e-building a Maranello, dove verranno realizzate batterie e assi per le auto elettriche: “Ci permetterà di rispondere alle esigenze produttive del futuro”, ha dichiarato Vigna. Il progetto era stato inizialmente presentato due anni fa nel corso del capital markets day e ora gli occhi sono puntati verso il 2025, quando la casa del Cavallino dovrebbe lanciare la sua prima auto elettrica.

Ferrari: 15 nuovi modelli in quattro anni. Prima elettrica nel 2025

Nel corso della stessa assemblea, gli azionisti di Ferrari hanno anche dato al via libera al bilancio 2023 e alla proposta di un dividendo di 2,443 euro per azione (+35%) e un complessivo di circa 440 milioni di euro. “Ferrari ha chiuso il 2023 con risultati e traguardi record. Nonostante le difficoltà dovute a un contesto macroeconomico complesso, si sono confermate la forza del brand Ferrari e la vitalità dell’azienda”, ha affermato John Elkann, anche lui riconfermato presidente esecutivo della società.

Oltre agli amministratori esecutivi Benedetto Vigna e John Elkann, l’assemblea ha votato a favore della riconferma anche dei non esecutivi Piero Ferrari, Delphine Arnault, Francesca Bellettini, Eduardo H. Cue, Sergio Duca, John Galantic, Maria Patrizia Grieco, Adam Keswick e Michelangelo Volpi. Sono state rinnovate le deleghe del Cda per emettere azioni ordinarie (per 18 mesi dalla data dell’odierna assemblea), attribuire diritti a sottoscrivere azioni ordinarie e a limitare o escludere le prelazioni per le stesse.