Connettiti con noi

Business

Elliott punta su Tinder: investito un 1 miliardo per Match Group

Il fondo statunitense, che in Italia ha acquisito partecipazioni in Ac Milan e Tim, punterebbe a rilanciare la società di Dallas proprietaria anche dei marchi Meetic e Match.com

architecture-alternativo Il fondatore e presidente di Elliott Investment Management, Paul SingerCredits: Photo by Thos Robinson/Getty Images for New York Time

Nuova partita per Elliott Investment Management. L’hedge fund statunitense fondato da Paul Singer, che in Italia ha acquisito partecipazioni in Ac Milan e, per breve tempo, in Tim, avrebbe messo gli occhi su Match Group, realtà di Dallas (Texas) che gestisce una serie di società e applicazioni di appuntamenti, tra cui Tinder.

Secondo quanto riportato dal Wall Street Journal, il fondo avrebbe investito 1 miliardo di dollari nel gruppo di Dallas, che gestisce un ampio portafoglio di servizi di incontri online tra cui Match.com, Meetic e la stessa Tinder. Un interessamento che ha suscitato grande euforia a Wall Street: diffusa la notizia, il titolo ha superato 39 dollari per azione, portando la capitalizzazione di Match Group a oltre 10 miliardi di dollari.

La strategia di Elliott per il rilancio di Match Group

Certo, si tratta ancora di poca cosa se confrontato con i 40 miliardi di dollari di capitalizzazione che la società aveva raggiunto nel 2021, nel pieno della pandemia di Covid. Elliott, tuttavia, è convinta di riuscire a rilanciare la società che nell’ultimo periodo ha dovuto fare i conti con alcuni fattori negativi che hanno penalizzato il titolo.

Nonostante, infatti, l’app Tinder continui a crescere – nel 2022 la società ha registrato entrate per 1,8 miliardi di dollari, in aumento del 9% sul 2021 – e la controllata Hinge (altra piattaforma per incontri) continui la sua rapida ascesa con ricavi in aumento del 44% anno su anno, i risultati di Match Group preoccupano analisti e investitori.

Il continuo cambiamento ai vertici del gruppo, ad esempio, ha causato disagi tra gli azionisti, mentre lo scorso novembre il gruppo ha mostrato un nuovo calo degli utenti paganti su Tinder. Calo che non dovrebbe arrestarsi in questo trimestre a causa dei nuovi aumenti annunciati da Match. Il Gruppo, tuttavia, crede nella sua strategia di lungo termine ed è convinta di riuscire a riportare fiducia tra gli azionisti. Una sfida resa, forse, più semplice dal sostegno di Elliott, che già in passato è riuscita a imporre cambiamenti trasversali da altre società hi tech come Salesforce e Pinterest.