Connettiti con noi

Business

Istat, ai minimi da inizio anno la fiducia delle imprese

Il dato di settembre evidenzia un ulteriore calo di circa 1,5 punti rispetto ad agosto. Commercio al dettaglio e imprese dei servizi i settori dove il peggioramento è più marcato

A settembre l’indice composito del clima di fiducia delle imprese italiane scende a 86,6 da 88,1 di agosto e tocca il livello minimo da inizio anno. Lo comunica l’Istat, sottolineando che il peggioramento riguarda tutti i settori. Il commercio al dettaglio scende di ben 5,2 punti, registrando un livello di 92,5 rispetto a 97,7 di agosto. Il peggioramento è netto nella grande distribuzione, dove passa da 96,5 a 90,5, ma anche in quella tradizionale, dove scende a 94,8 da 99,3.

In netto calo anche l’indice del clima di fiducia delle imprese dei servizi che scende a 84,9 da 87,4 di agosto a causa essenzialmente del peggioramento dei giudizi sugli ordini, il cui saldo passa da -11 a -17.

Lo scarto è contenuto nelle imprese manifatturiere, dove l’indice scende a 95,1 da 95,4, e nelle imprese di costruzione (da 76,7 a 75,4) dove rimangono stabili i giudizi sugli ordini di costruzione, ma peggiorano lievemente le attese sull’occupazione.

Infine, l’analisi per raggruppamenti principali di industrie, vede i beni di consumo e i beni strumentali in lieve miglioramento – che salgono rispettivamente da 94,7 a 95,5 punti e da 95,6 a 96. Scendono invece di un punto i beni intermedi (da 96,8 a 95,8).

Credits Images:

© Getty Images