Banda larga in Italia, siamo più indietro di quanto pensiamo

Il digital divide una montagna ancora più grande da scalare: se nel nostro Paese l’83,7% ha una connessione a banda larga da almeno 2 mega, solo il 14% possiede una connessione ultraveloce. Contro il 59% della media europea. La foto della Commissione europea

Sta per aprirsi un divario enorme tra l’Italia e gli altri Paesi sul fronte della banda larga, un gap già presente ma “nascosto” da un’unità di misura – 2 mega al secondo – che, finora, ha permesso al nostro Paese di vantare una copertura Adsl quasi totale del territorio. A oggi, infatti, la banda larga in Italia raggiunge l’83,7% della popolazione, con l’obiettivo di eliminare il digital divide entro il 2015.Il problema è che il commissario europeo per l’Agenda digitale, Neelie Kroes, porterà a 10 Mega la soglia al di sotto della quale la connessione Internet sarà considerata tradizionale. Nel nostro Paese, si spiega in un articolo del Corriere della Sera pubblicato martedì 29 ottobre, solo il 14,2% delle linee supera questa velocità, con una media Ue del 59%. Peggio di noi c’è solo Cipro con il 12%. Il divario, fotografato dalla Commissione europea, è davvero enorme e la marcia per recuperare molto lenta: tra il 2012 e il 2013 la copertura in Italia è aumentata di appena il 5%. Secondo il ministro dello Sviluppo economico servono almeno 5 miliardi di euro in quattro anni per fare l’upgrade della rete su cui, però, poi bisogna continuare a investire.Sul fronte delle connessioni di nuova generazione, ancora più veloci (La rete Ngn, Next generation network), la situazione è anche peggiore: in Italia solo il 2% delle connessioni è una linea Ngn (peggio di noi solo Cipro e Grecia). Davanti a noi Francia, Polonia e Germania, con una media europea pari al 20%. L’obiettivo dell’Unione? Garantire, entro il 2020, l’accesso a tutti a 30 mega e almeno al 50% delle famiglie a 100 mega. Su queste basi, solo Romania, Belgio, Lituania e Olanda sono in linea con l’agenda digitale europea.

TABELLA – LA BANDA LARGA IN EUROPA

© Riproduzione riservata