Connettiti con noi

Business

Bagnoli (Sammontana) e Investindustrial investono nel Gruppo Forno D’Asolo

La famiglia proprietaria del celebre marchio di gelati annuncia una partnership con la società di investimento di Andrea Bonomi per dare vita a un’eccellenza del made in Italy nei prodotti surgelati di pasticceria, dessert e gelato

architecture-alternativo Credits: sammontana.it

La famiglia Bagnoli, che tre generazioni fa ha fondato l’azienda italiana del gelato Sammontana, Frozen Investments, una società di investimento del fondo Investindustrial VIII e il senior management delle due aziende hanno annunciato una partnership per unire Sammontana con FdA Group (“Forno d’Asolo”).

L’obiettivo è di creare un produttore d’eccellenza internazionale di prodotti surgelati di pasticceria, dessert e gelato. La famiglia Bagnoli, Investindustrial e il senior management deterranno il 100% del nuovo gruppo con il controllo operativo che resta nelle mani della famiglia, mentre il fondo di investimento di Andrea C. Bonomi guiderà l’espansione internazionale. Leonardo Bagnoli, Ceo di Sammontana, sarà nominato presidente, mentre Alessandro Angelon, Ceo di Forno d’Asolo, diventerà Ceo del nuovo gruppo. Marco Bagnoli diventerà presidente di Sammontana Spa.

“Siamo davvero lieti dell’unione di Sammontana e Forno d’Asolo e siamo estremamente lieti di aver trovato un partner come Investindustrial con una visione industriale condivisa e un comprovato track record di investimenti di successo in imprese familiari”, ha commentato Leonardo Bagnoli, Ceo di Sammontana, che diventerà presidente del nuovo gruppo. “Investindustrial ha dimostrato chiaramente la sua capacità di far crescere aziende con sede in Italia a livello internazionale e in modo sostenibile, mantenendo rispetto per la loro cultura e tradizione. Non vediamo l’ora che ripetano questo successo in partnership con noi. Sono anche orgoglioso di annunciare che il nuovo gruppo potrà contare su un management di primario livello, che beneficerà del contributo delle due aziende”.

Questa partnership, si precisa in una nota congiunta, “unisce due aziende complementari che prestano la massima attenzione alla qualità, simboli dell’eccellenza italiana e con capacità manifatturiere di primo livello, al fine di creare un gruppo internazionale globale di prodotti surgelati di pasticceria, dessert e gelato attraverso un processo di buy and build e un’ulteriore espansione geografica”.

“Crediamo molto nella collaborazione con la famiglia Bagnoli. Sia Sammontana che Forno d’Asolo sono aziende di grande successo con management eccellenti e un buon track record in materia di sostenibilità”, ha aggiunto Andrea C. Bonomi, presidente dell’Industrial Advisory Board di Investindustrial. “Entrambe le società hanno completato diversi add-on negli ultimi anni, fornendo una solida piattaforma grazie alla quale la famiglia Bagnoli e Investindustrial potranno perseguire una strategia di buy and build per internazionalizzare ulteriormente il gruppo risultante dalla loro unione, specialmente nel mercato statunitense”.

I numeri del nuovo gruppo Sammontana-Forno d’Asolo

Il gruppo risultante dall’unione di Sammontana e Forno d’Asolo avrà un fatturato di quasi 1 miliardo di euro con stabilimenti produttivi in Italia, negli Stati Uniti e in Francia, e oltre 2.500 dipendenti. La nuova entità opererà attraverso molteplici canali, essendo partner di rilievo per i principali bar, ristoranti, hotel, rivenditori alimentari e aziende di catering per i prodotti surgelati di pasticceria, dessert e gelato.

Con sede a Empoli, in Toscana, e fondata nel 1946, Sammontana è un centro di eccellenza per l’industria della pasticceria surgelata e del gelato in Italia. Il suo portafoglio prodotti include marchi iconici – come il gelato Sammontana e la pasticceria surgelata Tre Marie – che vengono principalmente venduti a hotel, ristoranti, bar, società di catering, supermercati e gelaterie.

Fondata nel 1985 e con sede a Maser, Treviso, Forno d’Asolo è un produttore e distributore di prodotti surgelati di alta qualità, tra cui pasticceria dolciaria e salata da forno. L’azienda vende i suoi prodotti, tra cui i noti marchi Forno d’Asolo e Bindi, principalmente a bar, ristoranti, hotel e società di catering, con oltre 70 mila clienti in 40 Paesi in tutto il mondo.

Il ruolo di Bc Partners

Gruppo Forno d’Asolo (FdA) è stato ceduto da BC Partners, che ha investito in FdA nel 2018 trasformando l’azienda in un campione nazionale nei prodotti da forno e pasticceria surgelati. BC Partners ha supportato il Gruppo nelle sue varie iniziative di crescita, dal rafforzamento a livello commerciale e operativo, al completamento dell’offerta di prodotti, alla diversificazione dei canali di vendita fino all’espansione in nuovi mercati internazionali come Stati Uniti, Germania e Francia.

In soli due anni dall’inizio dell’investimento, BC Partners ha finalizzato quattro acquisizioni strategiche, tutte avvenute lavorando insieme a imprenditori italiani, tra cui l’acquisizione di Bindi, marchio iconico nel mercato della pasticceria italiana con oltre 80 anni di storia.

FdA ha generato circa 500 milioni di euro di fatturato e oltre 85 milioni di euro di Ebitda nel 2023, quasi quadruplicando le proprie dimensioni dall’ingresso di BC Partners.

“A nome del team di Forno d’Asolo, vorrei ringraziare BC Partners per il supporto fornito negli ultimi cinque anni”, ha dichiarato Alessandro Angelon, Ceo di Forno d’Asolo, che diventerà Chief Executive Officer del nuovo gruppo. “Siamo ora entusiasti di collaborare con la famiglia Bagnoli e Investindustrial. Insieme abbiamo individuato il significativo potenziale di crescita del nuovo gruppo, dato sia dai marchi e dai prodotti altamente riconoscibili di Sammontana e Forno d’Asolo, sia dall’opportunità di espansione geografica”.