Italiani e cellullari inutilizzati: nelle case 160 milioni di euro in oro, argento e platino

Photo by Eirik Solheim on Unsplash

Cellulari vecchi, ancora utilizzabili ma non più performanti o all'ultima moda. Nelle case degli italiani ce ne sono molti e al loro interno si trovano oro, argento e platino per un valore pari a quasi 160 milioni di euro. Cifra che supera i 500 milioni negli Usa e i 200 milioni in Germania. È solo uno dei dati sorprendenti che emerge dalla ricerca sui rifiuti elettronici dei telefoni cellulari in 27 Paesi pubblicata dal negozio online di elettronica usata reBuy (tutti i dati su Rebuy.it/s/mobile-ewaste-index).

Da segnalare che, tra i Paesi studiati, sono gli Stati Uniti quello con il maggior numero di cellulari inutilizzati, che raggiungono i 223,1 milioni. Seguono la Germania, con 84,7 milioni, e il Regno Unito con 83,1 milioni. La Svezia, invece, ha il numero di cellulari pro capite più "accantonati", a 1.31 per persona, il che significa che gli svedesi hanno più cellulari inutilizzati nelle loro case che cittadini. Al contrario, Lettonia, Ungheria e Polonia sono i maggiori utilizzatori di telefoni usati, con il 46-45%, mentre i cittadini di Danimarca, Polonia e Francia hanno maggiori probabilità di riciclare o rivendere i loro vecchi modelli, con il 41-49%, rispetto ad altri Stati interessati dallo studio.

Complessivamente, i rifiuti elettronici generati da tutti i 27 Paesi dell'indice sono pari a 23.964 tonnellate, che equivale a più di 54 aerei Boeing 747-8 caricati con massimo peso al momento del decollo (442 tonnellate ciascuno), o a più di 138 balene blu (173 tonnellate ciascuno).