Global Gender Gap Report 2022: ci vorranno ancora 132 anni per la parità

Immagine di rawpixel.com su Freepik

Cattive notizie sul fronte del divario di genere. Dopo la battuta d'arresto registrata nel 2020-2021, all'inizio della pandemia, nel corso dell'ultimo anno la situazione non è migliorata molto: secondo il Global Gender Gap Report 2022 del World Economic Forum, delle 146 economie prese in esame, solo una su cinque è riuscita a colmare il divario di genere almeno dell'1%. Questo vuol dire che ci vorranno altri 132 anni (contro i 136 del 2021) per raggiungere la parità.
"La crisi del costo della vita sta colpendo le donne in modo sproporzionato, dopo lo shock delle perdite sul mercato del lavoro durante la pandemia e la continua inadeguatezza delle infrastrutture di assistenza", ha commentato Saadia Zahidi, direttore generale del World Economic Forum. "Di fronte a una ripresa debole, i governi e le imprese devono compiere due serie di sforzi: politiche mirate per sostenere il ritorno delle donne alla forza lavoro e lo sviluppo dei talenti femminili nelle industrie del futuro. Altrimenti, rischiamo di erodere definitivamente i guadagni degli ultimi decenni e di perdere i futuri ritorni economici della diversità".

Le principali evidenze del Global Gender Gap Report 2022

Giunto alla sua 16esima edizione, il report analizza l'evoluzione dei divari di genere in quattro aree: partecipazione economica e opportunità, livello di istruzione, salute e sopravvivenza, empowerment politico. Inoltre, esplora l'impatto dei recenti shock globali sulla crescente crisi del divario di genere nel mercato del lavoro.
Nei 146 Paesi presi in considerazione nel 2022, il gender gap in termini di salute e sopravvivenza si è ridotto fino al 95,8%, il livello di istruzione del 94,4%, la partecipazione economica e le opportunità del 60,3% e l'empowerment politico del 22%. Tra il 2021 e il 2022, il sottoindice della partecipazione economica e delle opportunità è aumentato dell'1,6%, grazie soprattutto ai guadagni delle donne nei ruoli professionali e tecnici e alla diminuzione del divario salariale, anche se il divario di genere nella forza lavoro è aumentato. Per quanto riguarda il sottoindice della salute e della sopravvivenza, si è registrato un piccolo miglioramento dal 95,7% al 95,8%, mentre il sottoindice del livello di istruzione è sceso dal 95,2% al 94,4% e l'empowerment politico si è fermato al 22%.
Agli attuali ritmi di progresso, ci vorranno 155 anni per colmare il divario di genere nell'emancipazione politica - 11 in più rispetto a quanto previsto nel 2021 - e 151 anni per il divario di genere nella partecipazione economica e nelle opportunità. Inoltre, sebbene 29 Paesi abbiano raggiunto la piena parità, ci vorranno ancora 22 anni per colmare il divario di genere nei risultati scolastici. E mentre più di 140 Paesi hanno colmato almeno il 95% dei loro divari in materia di salute, l'arretramento generale nella salute e nella sopravvivenza significa che potrebbe esserci un'inversione di tendenza.

I risultati Paese per Paese

Per il 13° anno consecutivo, l'Islanda è il Paese con la maggiore parità di genere al mondo e l'unico ad aver colmato più del 90% di questo divario. La Top 10 dei Paesi prosegue con Finlandia, Norvegia, Nuova Zelanda, Svezia, Rwanda, Nicaragua, Namibia, Irlanda e Germania. L'Italia è appena 63esima.

top10

In generale, il Nord America è la regione con i risultati migliori, con il 76,9% del divario di genere colmato. Il numero di anni necessari a colmare il gap è inoltre sceso da 62 a 59. In questa zona, si registra un leggero miglioramento negli Stati Uniti, mentre il punteggio del Canada è rimasto stabile. L'Europa (76,6%) resta indietro, con un miglioramento dello 0,2% dal 2021 e un'attesa di 60 anni prima che il divario di genere venga colmato. Il lato positivo è che sei dei Paesi in top ten sono europei e che nove dei 35 Stati della regione hanno migliorato il loro punteggio almeno dell'1%. Albania, Islanda e Lussemburgo si distinguono per i miglioramenti più significativi.

L'America Latina e i Caraibi (72,6%) si collocano al terzo posto a livello regionale, con un miglioramento di 0,4% punti rispetto all'edizione precedente. In base all'attuale ritmo di progresso, colmeranno il divario in 67 anni. Tuttavia, all'interno della regione solo sei dei 22 Paesi indicizzati in questa edizione hanno migliorato il punteggio del divario di genere di almeno un punto percentuale, suggerendo una crescente divergenza regionale.
Guardando all'Asia, l'area centrale (69,1%) ha arrestato i suoi progressi, con un punteggio invariato rispetto al 2021. A questo ritmo, ci vorranno 151 anni per colmare il divario di genere regionale. Sei dei 10 Paesi della regione hanno registrato un miglioramento nei loro punteggi, con la Moldavia, la Bielorussia e la Georgia che rappresentano i Paesi in cima alla classifica. La regione dell'Asia orientale e Pacifico (69%) ha, invece, visto 13 dei 19 Paesi della regione compiere progressi rispetto all'ultima edizione. Ma al ritmo attuale, la regione avrà bisogno di 168 anni per colmare il divario di genere. I progressi avvengono a velocità diverse tra gli Stati, con il rischio di ulteriori divergenze regionali. I migliori risultati della regione sono la Nuova Zelanda (84,1%), le Filippine (78,3%) e l'Australia (73,8%).

Segue l'Africa subsahariana (68,7%), che ha registrato il punteggio migliore, con un miglioramento dell'1,1% nell'ultimo anno, grazie ai cambiamenti positivi nel divario economico di genere in Paesi come Nigeria, Etiopia, Repubblica Democratica del Congo e Kenya. Al ritmo attuale, ci vorranno 98 anni per colmare il divario di genere.
Il Medio Oriente e il Nord Africa (63,4%) sono al secondo posto per il divario di genere ancora da colmare, con Israele, Emirati Arabi Uniti e Libano come Paesi con i risultati più alti. Sono stati compiuti alcuni progressi nel colmare il divario economico di genere (+2%), con diversi Paesi che hanno migliorato la partecipazione delle donne alla forza lavoro e la quota di donne in ruoli tecnici. Il punteggio della regione rimane simile a quello della scorsa edizione, che prevede un arco di tempo di 115 anni per colmare il divario.
Infine, l'Asia meridionale (62,3%) presenta il divario di genere più ampio di tutte le regioni, con punteggi bassi in tutti i divari di genere misurati e pochi progressi compiuti nella maggior parte dei Paesi rispetto all'ultima edizione. Al ritmo attuale, ci vorranno 197 anni per colmare il divario di genere nella regione. Il divario economico di genere si è ridotto dell'1,8%, con un aumento della quota di donne nei ruoli professionali e tecnici in Paesi come il Bangladesh, l'India e il Nepal.

regioni

Divari di genere nella forza lavoro: una crisi incombente

La parità di genere a livello globale per quanto riguarda la partecipazione alla forza lavoro era in lento declino già dal 2009. La tendenza, tuttavia, si è esacerbata nel 2020, quando i punteggi della parità di genere sono diminuiti precipitosamente per due edizioni consecutive. Di conseguenza, nel 2022, la parità di genere nella forza lavoro si attesta al 62,9%, il livello più basso registrato dalla prima compilazione dell'indice. Se gli attuali tassi di disoccupazione sia per gli uomini che per le donne sono più alti dei livelli pre-pandemia, il tasso di disoccupazione globale delle donne nel 2021 (6,4%) era comunque più elevato di quello degli uomini (6,1%).
L'impatto sproporzionatamente negativo della pandemia sul mercato del lavoro può essere spiegato in parte dalla composizione settoriale dello shock e in parte dal persistere delle disparità nelle responsabilità di cura, esacerbate dalla pandemia. La maggior parte di queste responsabilità sono ricadute sulle donne, a causa della chiusura delle strutture per l'infanzia e delle scuole. Anche prima della pandemia, la percentuale di tempo dedicato al lavoro non retribuito dagli uomini rispetto al totale del lavoro era del 19%, mentre per le donne era del 55%.
Il quadro è più roseo quando si parla di donne nella leadership organizzativa. Secondo i dati di LinkedIn relativi a 23 economie leader, dal 2016 le donne sono state assunte in ruoli di leadership in numero crescente: dal 33,3% è salita al 36,9% nel 2022. Questi progressi complessivi, tuttavia, nascondono differenze tra i vari settori. Tra quelli che hanno assunto la quota più alta di donne in posizioni dirigenziali nel 2021 vi sono le organizzazioni non governative e associative (54%), l'istruzione (49%), il governo e il settore pubblico (46%), i servizi alla persona e il benessere (46%), i servizi sanitari e di assistenza (46%) e i media e le comunicazioni (46%). Al contrario, sei settori hanno assunto un numero significativamente maggiore di uomini rispetto alle donne in posizioni di leadership nel 2021: tecnologia (30%), agricoltura (28%), energia (25%), supply chain e trasporti (25%), produzione (22%) e infrastrutture (21%).
Infine, anche l'apprendimento è segmentato per genere, modificando la composizione dei talenti disponibili con competenze pronte per il futuro. Nell'istruzione superiore a livello globale, le donne continuano a essere sovrarappresentate nelle materie di istruzione e salute e benessere rispetto agli uomini e sottorappresentate nei settori STEM. I laureati in tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC), ingegneria e produzione sono quasi quattro volte più numerosi delle donne. I dati ad alta frequenza di Coursera suggeriscono che i divari di genere sono minori nelle iscrizioni online. Nel settore delle TIC, ad esempio, la parità di genere è aumentata nella formazione online tra il 2019 e il 2021, durante un aumento generale dell'apprendimento online.