Strategie di mercato deboli e confuse, incapacità di adattarsi a un mercato concorrenziale e negligenza rispetto alla sicurezza dei propri prodotti: sono solo alcuni degli errori commessi negli ultimi mesi da importanti amministratori delegati che, nel migliore dei casi, hanno causato un grosso danno d’immagine all’azienda. Per aiutare i manager a non commettere questo tipo d’errori, Sydney Finkelstein professore della Tuck School of Business (una delle più prestigiose business school al mondo), ha stilato una blacklist dei peggiori Ceo del 2011. Un modo per imparare dagli errori, possibilmente degli altri. Eccone alcuni:

Mike Lazaridis e Jim Balsillie, Research in Motion (Rim)
L’incapacità di adattarsi al mercato concorrenziale e il loro binomio in quanto co-amministratori delegati
La Società canadese Rim progetta, produce e vende il famoso BlackBerry, uno degli smartphone più popolari al mondo. Nonostante ciò, Mike Lazaridis e Jim Balsillie, ormai ex amministratori delegati alla testa di Rim, non sono stati in grado di adattare e rinnovare il proprio prodotto nonostante avversari come iPhone e Android abbiano iniziato a invadere la loro quota di mercato. Inoltre, sottolinea Finkelstein, avere due amministratori delegati alla guida, ha causato solo confusione e un rallentamento del progresso. “Resta da vedere l’impatto che avrà Mike Lazaridis nel suo nuovo ruolo di vice presidente e capo del nuovo board commitee. Secondo Finkelstein, restando, inevitabilmente combatterà contro il cambiamento. “Il modello basato sul doppio Ceo, con due co-amministratori delegati quindi, è una garanzia di fallimento. Non funziona quasi mai - spiega Finkelstein – E’ difficile determinare le responsabilità di ognuno e penso che per Lazaridis e Balsillie questo sia stato un ostacolo alla loro capacità di reagire e adattarsi alla concorrenza”.

Leo Apotheker, Hewlett Packard
Una strategia di esecuzione troppo debole
Dirigente di uno dei più grandi produttori di computer al mondo, Apotheker ha finito per perdere più di 30 miliardi di dollari in capitalizzazione di mercato in meno di 11 mesi di incarico. Ha cercato di sbarazzarsi del business del personal computer dal valore di 40 milioni di dollari, per poi decidere all’ultimo momento di mantenerlo. Ha poi cambiato idea una seconda volta, creando un nuovo tablet che ha successivamente abbandonato. “Questi tipi, che diventano Ceo di società come Hewlett Packard e poi sono messi con le spalle al muro, di solito se ne vanno con un assegno di fine rapporto di non meno di 25 o 30 milioni di dollari. Ciò non rende gli azionisti molto felici”, spiega Finkelstein.

Reed Hastings, Netflix
Le scarse capacità di comunicazione, che riducono notevolmente l’accesso ai suoi servizi
Netflix è diventato un nome di riferimento negli Stati Uniti grazie al suo servizio di noleggio di Dvd via posta a prezzi fissi. Netflix ha inoltre iniziato a offrire lo streaming video su Internet e ha in programma di espandersi in Europa nel 2012. Ma Reed Hastings ha deciso di dividere il business in due: il tradizionale servizio di noleggio postale di Dvd e il nuovo servizio di streaming. Per fare ciò, ha dovuto alzare i prezzi e ha reso molto più complicata la scelta ai propri clienti. “In effetti, l’idea di divider la compagnia in due, non è male. In qualche modo, questa è la strategia insegnata nei manuali. Dividere la società in due per proteggere il nuovo business in fase di decollo. Ma in questo caso, è stato un disastro – spiega Finkelstein – La capacità di comunicare di Hastings è veramente scarsa, e penso che in molti si siano posti l’interrogativo seguente: cosa c’è di nuovo che altri non abbian già fatto? E penso in effetti che non ci sia nulla di nuovo”.

 

William Weldon, Johnson & Johnson
L a negligenza rispetto alla sicurezza dei prodotti
Nell’ultimo anno c’è stato un numero incredibile di prodotti di questa industria farmaceutica, che produce anche dispositivi medici e beni di consumo confezionati, che son stati ritirati dal mercato: pompe per insulina, suture, siringhe, protesi d'anca, lenti a contatto, shampoo per bambini ecc. “Eppure William Weldon è impermeabile, si fa scivolare tutto addosso senza reagire. Un sacco di cose son andate storte quest’anno e nessuno ne ha mai parlato. Per un’azienda come questa, mantenere la politica del silenzio e non prendere posizione quando si tratta di sicurezza e qualità, penso sia una cosa inammissibile. E William Weldon è il Ceo di Johnson & Johnson e sta accadendo tutto ciò sotto ai suoi occhi", conclude Finkelstein.