Oceanix City: le comunità galleggianti del futuro?

© Oceanix/BIG-Bjarke Ingels Group

Il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello dei mari coinvolgeranno il 90% delle più grandi città al mondo entro il 2050 con il rischio che la stragrande maggioranza delle metropoli venga colpita dall’erosione costiera e dalle inondazioni, costringendo milioni di persone ad abbandonare le loro case. Se per alcuni questo futuro può essere evitato adottando comportamenti più sostenibili, ci sono aziende che hanno già iniziato a concepire soluzioni abitative più futuristiche. 

È il caso di Oceanix, concept di città galleggiante sviluppato seguendo gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Pensata per crescere e trasformarsi nel tempo, Oceanix City si compone di quartieri modulari di due ettari completamente autosufficienti e pensati per ospitare fino a 300 residenti, con soluzioni abitative e spazi per il lavoro e il tempo libero.

Sotto le piattaforme, che possono essere prefabbricate sulla terraferma e trasportate successivamente al largo, scogliere resistenti in biorock ospitano alghe, ostriche, capesante e allevamenti di vongole utili anche per la pulizia dell'acqua e la rigenerazione dell'ecosistema marino. I quartieri possono raggrupparsi in villaggi più grandi, che a loro volta possono unirsi e trasformarsi un una vera e propria città galleggiante da 10 mila abitanti.

Oceanix-City

© Oceanix/BIG-Bjarke Ingels Group