Zhang Yin

La “Fortune Cinese”, la rivista Hurun ha stilato la classifica delle 20 donne più ricche del pianeta. Secondo il magazine del Celeste Impero oltre la metà di queste donne, ben 11, sono cinesi.
In testa alla classifica: la regina della carta riciclata, Zhang Yin, 53 anni, che possiede beni valutati 5,6 miliardi di dollari. A Seguire Wu Yajun, la quarantaseienne a capo del gruppo immobiliare Longfor Properties, con 4,1 miliardi di dollari di patrimonio stimato. Al terzo posto, con 4 miliardi di dollari, Chen Lihua, settantenne signora alla testa del conglomerato industriale Fuhua, presente in attività che spaziano dall’immobiliare, alla logistica, dai porti all’energia.
Per trovare la prima tycoon non cinese dobbiamo lasciare il podio, per incontrare in quarta posizione la spagnola Rosalia Mera, a capo del Gruppo di Zara.
Simile il profilo di tutte le 11 donne cinesi in classifica: hanno costruito da sole la loro fortuna senza aiuti familiari, sono partite dal settore immobiliare e hanno pian piano diversificato le loro attività.
Secondo Hoogewerf, il fondatore di Hurun il successo delle cinesi è in parte merito della politica del figlio unico e del ruolo preponderante giocato dai nonni nell’educazione dei bambini in Cina, che lascia alle donne più tempo che altrove per consacrarsi alle attività professionali.
Unica italiana in classifica Giuliana Benetton, 11esima.