Lucio Dalla © GettyImages

Il cantautore italiano Lucio Dalla è morto, stroncato da un attacco cardiaco a Montreaux (Svizzera) dove si trovata per un tour europeo appena iniziato. Il prossimo 4 marzo avrebbe compiuto 69 anni. Secondo il suo entourage il cantante, la cui ultima apparizione televisiva risaliva al Festival di Sanremo con Pierdavide Carone, “stava bene”; il malore l’avrebbe colpito in mattinata, subito dopo colazione.
RENZO ARBORE. “Era un musicista originale, di grande valore che ha inventato uno stile italiano e anche napoletano”, ricorda all’Ansa Renzo Arbore. “Per lui succederà quello che è successo con Gaber e De Andrè: le sue opere migliori verranno studiate e apprezzate, si capisce che è nuova letteratura e poesia. Lo conoscevo fin dagli esordi, io facevo il dj e l'ho incoraggiato. Era innanzitutto un musicista di grande valore, istintivo e originale, sia al clarinetto che nelle sue composizioni. È una gravissima perdita per la musica italiana”.
GIANNI MORANDI. Al Tg1 Giani Morandi ha ricordato l’amicizia nata nel 1963: “Eravamo legati anche dal tifo per il Bologna oltre che dalla passione per la musica. Sentire che ci ha lasciato mi ha colpito, non riesco ancora a riprendermi. È stato uno dei più grandi, autore, cantante, musicista, jazzista, un uomo che parlava a tanta gente e sapeva comunicare. Lui è stato un artista unico, a me mancherà molto anche come grande amico”.