Una boutique Bottega Veneta a Shanghai

Un anno record, frutto, soprattutto, dello sviluppo internazionale. Bottega Veneta ha chiuso l’esercizio 2012 con ricavi complessivi pari a 945,1 milioni di euro, in crescita del 38,5% rispetto ai 682,6 milioni del 2011. Il reddito operativo corrente dell’intero anno fiscale raggiunge i 300 milioni di euro, riportando un incremento del 46,7% rispetto ai 204,6 milioni di euro dell’esercizio precedente. Il margine operativo corrente si attesta quindi al 31,8% rispetto al 30% del 2011.

Per il brand nato a Vicenza nel 1967 e acquisito nel 2001 dal Gruppo Gucci (oggi parte della multinazionale francese PPR) il successo a livello di fatturato è accompagnato da un’eccellente profittabilità, ottenuta grazie ad un’attenta esecuzione della strategia di sviluppo internazionale. In crescita anche il numero dei negozi di proprietà che si attesta a 196, rispetto ai 170 di fine 2011.

«Siamo estremamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2012 - dichiara Marco Bizzarri, presidente e ceo di Bottega Veneta. Nonostante il difficile contesto economico generale, la coerenza ai valori del brand, unita alla volontà di continuo miglioramento in tutte le aree aziendali, ha reso possibile l’ulteriore consolidamento del successo di Bottega Veneta nel mondo».